STATS CORNER - Juve e Allegri senza macchie contro la Lazio. L'ex Immobile a caccia di riscatto

Pubblicato ieri alle 23:00
 di Antoniomaria Pietoso Twitter:   articolo letto 7644 volte
Fonte: Antoniomaria Pietoso - Lalaziosiamonoi.it
© foto di Federico Gaetano
STATS CORNER -  Juve e Allegri senza macchie contro la Lazio. L'ex Immobile a caccia di riscatto

Un tabù da sfatare, uno spauracchio da cancellare, ma soprattutto un trofeo da vincere. La Lazio di Simone Inzgahi si gioca subito il primo obiettivo stagionale nella finale di Supercoppa Italiana. Di fronte ci sarà la Juventus, imbattuta contro i capitolini dal 2013 e che ha sconfitto le aquile nelle ultime quattro finali disputate. L'ultima è del maggio scorso, quando i bianconeri alzarono al cielo la Coppa Italia all'Olimpico. Non sarà semplice perché i numeri del recente passato condannano i biancocelesti.

I PRECEDENTI - Quella di domenica sarà la gara numero 176 tra Lazio e Juventus tra Serie A, Coppa Italia e Supercoppa Italiana. Nelle 175 sfide disputate, sono 90 i successi bianconeri, 42 quelli capitolini e 43 i pareggi. La Juventus è il club che ha battuto più volte la squadra con l’aquila sul petto. La Lazio non sconfigge la Juventus dal 2-1 della semifinale di Coppa Italia del 2013, con la rete di Floccari in pieno recupero che fece volare i biancocelesti in finale (poi vinta contro la Roma). Le statistiche nell’era Lotito sono negative soprattutto perché le aquile non hanno mai vinto in campionato contro la regina della Serie A.  I biancocelesti hanno perso tredici delle ultime quattordici sfide, pareggiando solo il match di gennaio 2014. Sarà la quarta finale di Supercoppa Italiana tra le due squadre e il bilancio è di 2-1 per i bianconeri. L'allora squadra di Eriksson  esultò nel 1998, quando la rete di Conceicao le regalò il trofeo allo stadio Delle Alpi, dopo che Del Piero su rigore aveva risposto all'iniziale vantaggio laziale firmato da Nedved. Nel 2013, invece, fu un monologo piemontese e si concluse in goleada (4-0). Nel 2015 a Shanghai, la Lazio sprecò una grande occasione contro una Juventus rinnovata e ancora da collaudare. I ragazzi di Allegri alzarono il trofeo grazie alle marcature di Mandzukic e Dybala.

INZAGHI VS ALLEGRI - Sarà il quinto confronto ufficiale tra i due ex calciatori nella nuova veste di allenatori e i quattro precedenti in campionato sono tutti di stampo bianconero: 3-0 nell'aprile 2016, 1-0  e 2-0 nella passata stagione in campionato e il 2-0 nella finale di Coppa Italia.  Da giocatore, il piacentino ha affrontato dieci volte la Juventus e il bilancio è  negativo: due vittorie, tre pareggi e cinque sconfitte. Contro i piemontesi, però, Simone ha vinto la sua terza Coppa Italia nel 2003/04 con Mancini in panchina. L'allora attaccante giocò sia la finale d'andata, vinta per 2-0, che quella di ritorno, terminata 2-2. Curiosamente contro i bianconeri, Inzaghi ha ricevuto anche l'unico cartellino rosso con la maglia della Lazio all'Olimpico. Nella stagione 1999/2000, chiusa poi con lo scudetto strappato proprio alla Juventus al fotofinish, l'ex numero 21 fu espulso per proteste dall'arbitro Braschi tre minuti dopo il suo ingresso in campo. Sono positivi, invece, i numeri da tecnico della Primavera contro la Vecchia Signora. L'unico precedente è il doppio confronto nella semifinale della Coppa Italia di categoria del 2014/15. La sua Lazio, che poi ha alzato al cielo il trofeo, si è imposta per 2-0 a Formello, per poi pareggiare in Piemonte staccando così il pass per la finale. Meglio è andata ad Allegri che, da quando ha appeso gli scarpini al chiodo, ha un bilancio in attivo contro i capitolini. In 22 precedenti contro le aquile, il livornese ha messo insieme ben 14 successi, 4 pari e altrettante sconfitte. Da mister bianconero, però, il toscano ha fatto en plein contro la Lazio vincendo i dieci scontri diretti disputati, tra campionato, Coppa Italia e Supercoppa Italiana (conquistando anche tre trofei ai danni delle aquile, ndr).  

DETTAGLI GOL - Se la Juventus è un tabù, Gonzalo Higuain è un'autentica bestia nera per le aquile. Il centravanti ha segnato ben tredici gol in quattordici match giocati contro i biancocelesti (in dodici partite se si prendono in esame solo quelli segnati dopo il suo arrivo in Italia, ndr).  La Lazio è la sua vittima preferita così come lo è anche per Paulo Dybala (a quota 7, ndr) e Giorgio Chiellini (a 5).  Campioni d'Italia che non portano bene non solo ai capitolini, ma anche a Ciro Immobile. Il bomber laziale non ha mai vinto contro la Juventus, (incontrati con le maglie di Genoa, Torino, Borussia Dortmund, Siviglia e Lazio, ndr) inanellando un pareggio e ben nove ko con una sola rete realizzata. Cerca il riscatto l'attaccante di Torre Annunziata che nelle ha indossato la maglia della Vecchia Signora dal 2007 al 2010, esordendo anche nella massima serie con la zebra sul petto. Tra le fila capitoline solamente Stefan Radu e Senad Lulic sono riusciti a battere i bianconeri. I due senatori del gruppo sperano di non essere più soli. Che non sia arrivata, finalmente, la volta buona.