ESCLUSIVA - Chiesa: "Il derby perso non fermerà la crescita della Lazio. Contro la Samp vedremo tanti gol"

Pubblicato il 07/12 ore 20.30
 di Claudio Cianci  articolo letto 3702 volte
Fonte: Claudio Cianci- Lalaziosiamonoi.it
© foto di Diego Fornero/TorinoGranata.it
ESCLUSIVA - Chiesa: "Il derby perso non fermerà la crescita della Lazio. Contro la Samp vedremo tanti gol"

Dopo il derby, la Sampdoria. La Lazio deve guardare avanti, non può permettersi di portarsi dietro gli strascichi della sconfitta contra la Roma. All'orizzonte c'è già la prossima avversaria, guidata da Marco Giampaolo, che dopo aver battuto il Torino aspetta al varco i biancocelesti per continuare a mettere punti in classifica. Per commentare questa sfida, che andrà in scena sabato sera, la redazione de Lalaziosiamonoi.it ha contattato in esclusiva un doppio ex del calibro di Enrico Chiesa.

Un giudizio sul derby?

"Nel complesso la partita sarebbe potuta finire con un pareggio. La Roma nel corso del match è stata più cinica, ma l'errore di Wallace è stato determinante. Inzaghi ha detto una cosa giustissima, la Lazio ha perso per errori suoi. La Roma ha vinto perché ha un tasso tecnico eccellente. I biancocelesti inizialmente hanno pressato molto, ma è stato un derby equilibrato, ha vinto la squadra che nei momenti decisivi è stata più attenta e determinata".

Vuole commentare le dichiarazioni di Lulic?

"Ho letto, vedremo. Il Procuratore Federale analizzerà bene la situazione. Ci sono le immagini e le interviste, se si sbaglia si deve pagare. Il razzismo è un argomento delicato, la Lazio è comunque stata abbastanza veloce nel chiedere scusa per certe dichiarazioni. Credo che alla fine il calciatore abbia cercato di chiedere scusa e la società è intervenuta. Si tratta comunque di un tema estremamente delicato".

Un giudizio sulla Sampdoria?

"Al momento si tratta della squadra più forte della Serie A quando la incontri in casa loro. L'ho vista contro l'Inter e hanno messo sotto i nerazzurri più volte. L'ho vista a Firenze ed aveva fatto una buona gara. Brava la società che ha tenuto Giampaolo, si tratta di un tecnico molto preparato. I giocatori sanno quello che devono fare in campo e questo gli dà un'impronta. In casa, ripeto, va molto forte".

La Sampdoria ha comunque anche ottimi elementi singoli in rosa...

"Nel suo organico ha ottimi giocatori, ma conta l'intensità. Si tratta di una squadra che se abbassa il ritmo concede vari spazi all'avversario. Con il Torino l'ho vista ed ha svolto una manovra intensa ed avvolgente, inoltre è dotata di ottimi attaccanti".

Come mai l'attacco della Lazio al derby non ha brillato?

"Immobile, Keita e Felipe Anderson hanno fatto fatica perché la Roma li ha pressati molto e non hanno avuto tante possibilità di puntare l'uomo. Anche i giallorossi in attacco non hanno fatto questo calcio spettacolo, Dzeko non ha brillato".

Ritiene che la Lazio dopo questa sconfitta con la Roma possa ripartire senza accusare il colpo?

"Credo che nel calcio conti arrivare in alto. Solitamente le formazioni da vertice sono quelle squadre che dopo una sconfitta costruiscono un qualcosa di positivo. Anche in una sconfitta ci si può costruire una vittoria, gli errori si commettono ma la Lazio può crescere. Ha fatto benissimo fino ad ora e non cambia il suo percorso di crescita la sconfitta nel derby".

Chi la spunta fra Sampdoria e Lazio sabato?

"Vince chi avrà più intensità. Sarà una sfida equilibrata, la Sampdoria dovrà stare attenta alle ripartenze della Lazio. Sarà una sfida dove vedremo vari gol. Sono squadre che giocano, la Lazio in trasferta ha qualità ed è molto forte".

Un giudizio su Giampaolo ed Inzaghi?

"Giampaolo mi piace molto, è preparato e sono contento che la società l'abbia tenuto. Inzaghi è molto bravo e pacato. Ha detto cose giuste dopo il derby ed ha dato una sua identità alla squadra e credo che possa fare molto bene".

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

Ti potrebbe interessare:

LA CONFERENZA DI DE VRIJ

DJORDJEVIC VERSO IL PESCARA