Questione rinnovi, gelo per Biglia: ipotesi divorzio a giugno. Pochi spiragli anche per Keita e de Vrij

 di Saverio Cucina  articolo letto 17650 volte
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Questione rinnovi, gelo per Biglia: ipotesi divorzio a giugno. Pochi spiragli anche per Keita e de Vrij

C’è una stretta di mano a rasserenare gli animi, ma la definitiva fumata bianca potrebbe restare un miraggio. C'erano buoni presupposti per il rinnovo di Lucas Biglia, almeno fino a settembre. L'agente del giocatore, Enzo Montepaone, era in Italia per discutere le basi del prolungamento, salvo poi tornare in Argentina senza un accordo, come si legge dalle colonne de La Repubblica a cura di Giulio Cardone. Da allora sono arrivati sempre segnali negativi: un bonus legato alle presenze, voluto dal club, avrebbe indispettito il procuratore, che ora non ha alcuna intenzione di rinnovare il contratto (in scadenza nel 2018). L'idea di base della società è quella di un quadriennale a 2,5 milioni a stagione più bonus. Dalle retrovie spunta intanto lo spettro Inter, da anni piuttosto incline a far la spesa in casa Lazio (vedi Hernanes e Candreva), anche in virtù della stima di Pioli nei confronti del giocatore. La richiesta di Lotito è di oltre 20 milioni ed è difficile ipotizzare che il patron biancoceleste possa cederlo proprio ad una diretta concorrente per l’Europa (che intanto si cautela con Lucas Leiva). Presupposti che rendono ancor più complicata l’operazione, soprattutto nel mercato di gennaio. Proprio per questo, l'ex Anderlecht resterà nella Capitale fino a giugno, quando su di lui tornerà proprio il club nerazzurro, che resta sempre in pole per assicurarsi le sue prestazioni.

OLTRE MARCHETTI - Molto più semplice e serena invece la questione Strakosha, in scadenza il prossimo giugno: nei primi giorni del nuovo anno dovrebbe arrivare il prolungamento fino al 2021 o 2022, come si evince dalla consueta rassegna stampa di Radiosei. L’accordo economico non è stato ancora raggiunto, ma al di là dell’aumento dell'ingaggio, l’albanese classe ’95 chiede una prospettiva da titolare nei prossimi anni. La Lazio cerca un sostituto di Marchetti, per il quale la permanenza nella Capitale è tutt'altro che scontata, ma - rinnovo a parte - sembra difficile al momento ipotizzare che possa essere proprio l'albanese il numero uno biancoceleste del futuro.

DOLENTI NOTE - Farà un ulteriore tentativo la Lazio nei confronti di Keita, come già anticipato nei giorni scorsi, anche se la situazione resta ancora molto in salita. Nei primi giorni di gennaio, infatti, Lotito proporrà un'ultima offerta al senegalese (proverà ad alzare la cifra fino a due milioni) per provare a prolungare il contratto (in scadenza nel 2018). Se dovesse arrivare un altro rifiuto, la Lazio lo metterà sul mercato per non perdere il valore del giocatore. Alla finestra spunta intanto anche il Bayer Leverkusen, che potrebbe mettere sul piatto 22-23 milioni. Discorso diverso invece per de Vrij: l’olandese ha preso tempo, sta valutando le offerte in arrivo dai top club europei e deciderà soltanto in primavera il suo futuro. La richiesta di Lotito si aggira attorno ai 30-35 milioni, ma non sarà difficile trovare pretendenti sul mercato (su tutte il Manchester United) pronte ad assicurarsi il giocatore in caso di mancato rinnovo.