Colonnese: "Centrocampo laziale superiore a quello della Juventus, Inzaghi deve giocarsi lì la sfida!"

 di Laura Castellani Twitter:   articolo letto 2810 volte
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
Colonnese: "Centrocampo laziale superiore a quello della Juventus, Inzaghi deve giocarsi lì la sfida!"

Si riparte dalla Juventus. Dopo la sosta per le Nazionali, la Lazio ricomincia dai bianconeri. La squadra di Allegri è stata già battuta in Supercoppa, i biancocelesti potranno sfruttare il vantaggio di essersi già misurati con i torinesi riuscendo anche a trovare la ricetta per il trionfo. Ne ha parlato anche Francesco Colonnese, ex difensore biancoceleste, ai microfoni di Lazio Style Radio. Campionato, Lazio e Juventus: tanti i punti toccati dall'ex Napoli e Inter. Che si è lasciato andare anche ai ricordi: "La vittoria nel 2002 contro i bianconeri a Torino? Eravamo una squadra molto forte, avevamo dominato la partita; quel gruppo mi ricorda molto la compagine biancoceleste di oggi, anche la squadra di Inzaghi vanta grande qualità. Corradi e Lopez componevano un tandem ben assortito, a centrocampo c’era un grande giocatore come Simeone: era una Lazio molto forte".

JUVENTUS - "La Lazio nelle ultime gare ha dimostrato di essere all’altezza della Juventus, battendo anche i bianconeri in Supercoppa. Bisognerà monitorare le condizioni dei calciatori al rientro dalle Nazionali, ma la Lazio è una squadra solida, forte, con un gioco consolidato. Non è mai facile fare risultato in casa della Juventus, ma i biancocelesti possono farcela. Il centrocampo biancoceleste è superiore a quello dei bianconeri: al reparto capitolino non manca nulla, può mettere in difficoltà la squadra di Allegri. Quando la Lazio ha dominato a centrocampo, ha sempre imposto il proprio ritmo agli avversari. Il centrocampo di Inzaghi, in particolare, è molto dinamico".

LUIS ALBERTO E IMMOBILE - "Luis Alberto è un uomo a tutto campo: lo spagnolo non concede punti di riferimento e, il suo stile di gioco, si sposa alla perfezione con il sistema adottato dal tecnico. Il numero 18 biancoceleste può sicuramente rompere gli equilibri. Ciro Immobile ama giocare come punto di riferimento della squadra; quando attacca la profondità è devastante. Il numero 17 sta facendo la differenza, è giusto secondo me non mettere al suo fianco un compagno, riesce a reggere sulle proprie spalle l’intero fronte offensivo biancoceleste: è un attaccante potente, veloce e tecnico".

DIFESA - "La Lazio dovrà essere molto astuta nella marcatura su Dybala: se l’argentino riceve palla sui piedi, diviene una pedina devastante. Il recupero di Bastos in vista della gara di sabato potrebbe risultare decisivo: è un centrale rapido e forte nella marcatura, è indispensabile nel 3-5-2 di mister Simone Inzaghi. L’angolano non ha paura ad affrontare gli avversari nell’uno contro uno, ha le mie stesse caratteristiche: l’uscita del numero 15 ha cambiato la gara contro il Napoli. Stefan Radu si è riscoperto come centrale di difesa, è un calciatore completo sapendo impostare e marcare allo stesso tempo; in questo momento il romeno è importantissimo per la Lazio".

CLASSIFICA - "Alla classifica dei biancocelesti mancano i due punti persi contro la Spal alla prima giornata di campionato. Sabato sarà importante non perdere il match: i capitolini dovranno offrire una grande prova contro una squadra sì più forte, ma che in stagione è già stata sconfitta nella finale di Supercoppa. L’Europa League toglierà molte energie ai biancocelesti, ma con la rosa al completo possono lottare per raggiungere i primi quattro posti della classifica e per arrivare fino in fondo nella competizione europea: il gruppo di Inzaghi è di primissimo livello”.