Coppa Italia, rissa tra ultras Lazio: falange amputata. Mentre dei tifosi della Juve si fingono stewart

 di Claudio Cianci  articolo letto 13418 volte
Fonte: Romatoday.it
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Coppa Italia, rissa tra ultras Lazio: falange amputata. Mentre dei tifosi della Juve si fingono stewart

Ha funzionato il dispositivo di accoglienza e sicurezza, messo a punto dalla Questura in occasione della finale di Tim Cup, disputata ieri sera allo stadio Olimpico tra Juventus e Lazio. E' stata una finale di Coppa Italia "tranquilla", sotto il profilo dell'ordine pubblico quella andata in scena tra Juventus e Lazio ieri sera all'Olimpico. Pochi gli episodi che hanno visto impegnati gli agenti di Polizia. Il primo, in ordine di tempo, fuori dall'impianto quando un uomo e una donna indossando la pettorina distintiva degli steward, con tanto di numero, hanno cercato di infiltrarsi tra i veri assistenti ma sono stati scoperti. I due, tifosi juventini di origini pugliesi di 33 e 36 anni, sono stati denunciati per il reato di usurpazione di funzioni pubbliche e sottoposti alla misura del Daspo per 2 anni. Nel settore distinti sud, inoltre, sono stati bloccati e denunciati altri 2 tifosi juventini. Il primo, un 45enne di origini cagliaritane, è stato fermato dopo che aveva scavalcato la recinzione cercando di eludere i controlli. Il secondo, 39enne di Palermo, è stato fermato durante le operazioni di filtraggio, in possesso di biglietto intestato ad altra persona; per lui è scattata una sanzione amministrativa. Denunciato e sottoposto al Daspo per 2 anni un tifoso della Lazio di 25 anni, il quale durante la partita si è reso responsabile dell'aggressione di un tifoso avversario, tra i settori della tribuna Tevere e dei distinti sud. Al termine della partita, infine, in Largo Maresciallo Diaz, una discussione tra ultras della Lazio è degenerata in rissa. Nella circostanza, uno di loro ha subito l’amputazione di una falange ed è stato accompagnato in ospedale. Cinque le persone denunciate e per le quali si sta valutando l’applicazione del Daspo. All'esterno dello stadio, agenti della divisione Amministrativa della Questura hanno sorpreso 3 persone di origini campane intente a vendere bibite abusivamente. Una di loro in particolare, si era ripresentata dopo che una pattuglia l’ aveva controllata  sequestrandone la merce. Si era nuovamente rifornito di bibite.  A tutti e 3 è stato notificato il foglio di via obbligatorio.