ESCLUSIVA Radiosei - Durante: "Lazio, prendi Balbuena per sostituire de Vrij". E su Rodrigo Caio...

Pubblicato il 12/01 alle 01:24
 di Saverio Cucina Twitter:   articolo letto 12930 volte
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
ESCLUSIVA Radiosei - Durante: "Lazio, prendi Balbuena per sostituire de Vrij". E su Rodrigo Caio...

Stenta a decollare il mercato di riparazione invernale. La Lazio, dopo l’innesto di Caceres, sembra al momento più impegnata nelle operazioni in uscita, con uno sguardo però sempre in ottica futura in caso di partenza in estate di Stefan de Vrij . A tal proposito, intervenuto sulle frequenze di Radiosei, l’agente Fifa ed esperto di calcio brasiliano, Sabatino Durante, ha svelato qualche retroscena di mercato riguardante i possibili sostituti dell’olandese: “Ho sentito Tare recentemente, ma soltanto per scambiarci gli auguri. Lui è molto ermetico anche con gli operatori di mercato, ma fa bene perché il calciomercato si fa in silenzio. Mi diceva che grossomodo non avrebbe fatto nulla di straordinario. Posso anche capirlo perché è difficile migliorare una squadra che sta facendo così bene”.

“PER IL DOPO - DE VRIJ CONSIGLIO BALBUENA…”Un profilo adatto alla Lazio secondo me è Fabián Balbuena (già accostato alla Lazio in passato, ndr), un ragazzo di grande personalità ed intelligenza. Nonostante sia paraguaiano è diventato un leader al Corinthians, una maglia che pesa e che scotta in Brasile. Per caratteristiche può fare al caso dei biancocelesti. Credo che con 6 o 7 milioni si possa acquistare. È un giocatore su cui puoi andare sul sicuro, fa gol e sa impostare. Se ne ho parlato con Tare? Non posso dire nulla (ride, ndr)”.

L’AFFAIRE RODRIGO CAIO - Tare conosce perfettamente la sua situazione. Se non lo ha preso fino adesso evidentemente non ci sono state le condizioni. È un ottimo giocatore, meglio in una difesa a 3 che a 4. Il problema è sempre quello relativo al ginocchio. È stato due mesi all’Atletico Madrid ma poi non è stato tesserato per le sue condizioni fisiche, nonostante sia bravo e molto intelligente. Ha giocato con continuità ultimamente, ma in Brasile il calcio non è fisico e dinamico come quello che potrebbe trovare in Europa. Non credo quindi che la Lazio possa sborsare 18 milioni di euro per un giocatore che da un momento all’altro potrebbe avere dei problemi. Piace allo Zenit, ma anche loro stanno valutando la situazione”.

IL RETROSCENA SU YERRY MINA -L’ultima volta che ho sentito Tare si parlava anche di Yerry Mina (oggi ufficiale ai blaugrana, ndr). Già quando passò al Palmeiras si sapeva che sarebbe finito al Barcellona. C’erano i termini di pagamento, ossia 9 milioni di euro per giugno 2018. Poi hanno voluto anticipare i tempi pagando qualcosina di più per 'portarselo a casa' subito. Quello che mi dà più fastidio del calcio italiano è che si arriva sui giocatori quando già sono esplosi. Dal punto di vista dello scouting siamo un po’ indietro. Io Mina avevo provato ad offrirlo a diversi club italiani. Anche alla Lazio? Non farò mai i nomi. L’unica squadra che si è fatta avanti è stata la Sampdoria, ma poi è arrivato il Palmeiras che all’epoca pagò circa 3,5 milioni di euro”.

LA SORPRESA LUCAS LEIVA - “In estate dissi che il sostituto di Biglia sarebbe stato anche più forte. Credo di non essermi sbagliato. Leiva lo conoscevo ai tempi del Gremio, sa abbinare qualità e quantità. Per un periodo è stato anche leader della nazionale brasiliana (ai tempi del ct Mano Menezes, ndr). Ora purtroppo Tite non gioca con il regista ma si affida alla qualità sugli esterni avendo Coutinho e Neymar, altrimenti avrebbe fatto comodo anche al Brasile di oggi”.

SU GERMONI - “Mi hanno sempre parlato benissimo di questo ragazzo. Adesso è arrivato al mio Perugia e vorrei capire perché ancora non è esploso. Spero possa farlo con i grifoni”.