ESCLUSIVA Radiosei - Facco: "Il mercato invernale una presa in giro. Senza Europa Tare dovrà spiegazioni"

Pubblicato ieri alle 20.13
 di Lalaziosiamonoi Redazione  articolo letto 7519 volte
Fonte: Alessandro Vittori - Lalaziosiamonoi.it
ESCLUSIVA Radiosei - Facco: "Il mercato invernale una presa in giro. Senza Europa Tare dovrà spiegazioni"

La corsa all’Europa in campionato, con l’obiettivo di calcare nella prossima stagione palcoscenici che oggi appartengono ad altri. Mario Facco, ai microfoni di Radiosei, è intervenuto per dire la sua sul tema: “Ieri sera ho avuto un po’ di invidia per il Napoli. Non riesco a capire perché la Lazio non riesca ad essere al posto dei partenopei e la società non sia interessata all’evento. Evidentemente Lotito ha desideri diversi da quelli dei tifosi: gli auguro di arrivare a diventare presidente del consiglio (ride, ndr), l’importante è che costruisca una Lazio forte. Sono 10 anni che sento parlare di progetti, non se ne è realizzato uno”. L’ex difensore ha lanciato poi una stoccata alla società sul mercato di gennaio: “Ad Empoli la squadra si deve riprendere, tra sabato e poi l’Udinese si devono fare 6 punti. Se non fosse così la situazione diventerebbe preoccupante. Finita la campagna di rafforzamento non si è parlato del fatto che la società non ha preso nessuno: secondo me è stata una presa in giro e se le cose non dovessero andare bene per l'Europa qualcuno ci dovrà dire, in particolare Tare, perché a gennaio non si è voluta dare una mano alla squadra. Non devono venire davanti ai  microfoni a fare gli opinionisti, ma devono dare delle spiegazioni”. Sul prosieguo di campionato: “Spero che l’Empoli sia un avversario malleabile. La Lazio non deve sprecare tutto quello che ha fatto finora e deve ripartire dopo il pareggio contro il Milan. Visto il girone d’andata in cui la squadra ha spesso divertito, sarebbe un peccato se non dovesse arrivare l’Europa. Il Milan per esempio, che a me non piace, nelle ultime due partite ha rischiato di uscire dalle zone alte di classifiche e invece con lo giusto atteggiamento è riuscito a limitare i danni: forse manca questo spirito ai biancocelesti. Alla fine di un campionato ci sono sempre dei punti persi contro le squadre piccole, ma in generale dico che la Lazio non sta tra i primi 3 perché non ha vinto contro le grandi. Per un momento si poteva ambire alla Champions, purtroppo oggi quasi impossibile da raggiungere. In ogni caso rimane una stagione positiva”. La chiusura sui cambi di Inzaghi contro i rossoneri: Felipe Anderson è un giocatore che offre ai compagni dei palloni molto invitanti e spesso è decisivo. Lui e Keita non li sostituirei mai, anche se il tecnico poi fa le sue scelte. Contro il Milan non avrei fatto il cambio”.

Potrebbe interessarti anche:

PAIDEIA, ACCERTAMENTI PER MILINKOVIC

EMPOLI, MCHEDLIDZE OUT CON LA LAZIO