ESCLUSIVA Radiosei - Gregucci: "Cataldi, il Genoa è un passo indietro! La Lazio deve puntare sui giovani"

 di Federico Erdi Twitter:   articolo letto 9404 volte
Fonte: Federico Erdi - Lalaziosiamonoi.it
© foto di Federico Gaetano
ESCLUSIVA Radiosei - Gregucci: "Cataldi, il Genoa è un passo indietro! La Lazio deve puntare sui giovani"

Cataldi-Genoa, ci siamo. Il centrocampista biancoceleste è ad un passo dal vestirsi in rossoblu. Un'operazione che ha scatenato reazioni di ogni tipo. Tra cui quella di Angelo Gregucci che ai microfoni di Radiosei ha commentato la cessione del mediano: "La cessione di Cataldi è una forma di resa, anche da parte del ragazzo. Io sono un suo grande fan, ma ora deve riordinare un po' le idee. Ha fatto già un po' di gavetta, evidentemente non è bastata. Mi dispiace perché é un prodotto della Lazio: se vuole fare il salto di qualità deve impegnarsi e stare in una squadra quarta in classifica, così si cresce, tornare indietro non aiuta. Giocando con una squadra in una classifica importante, puoi fare il salto di qualità. Nessuno inoltre gli garantisce un posto a Genoa. È una scelta rischiosa. A volte la carriera dei giocatori è di difficile interpretazione, guardate Gagliardini, ha avuto svariati prestiti negativi, poi è tornato a Bergamo si è preso la titolarità e dopo 14 partite vale 25 milioni: perché Cataldi non potrebbe fare uguale? È un calciatore che ha talento, era sopra ai suoi pari età quando giocava al Crotone, doveva essere il nuovo Parolo tra poco, forse ha avuto troppa pressione che lo ha spinto ad accettare Genoa. Se non gioca con i rossoblu rischia di tornare a Roma in una situazione particolare".

LA SCELTA DELLA LAZIO - "Non c'è nessuno che conosce meglio di Inzaghi i giovani biancocelesti. Manca probabilmente il salto per passare da bravi a giocatori a grandi giocatori. Io credo che il mister punta sui suoi ragazzi, bisogna investire su di loro. Se ora proprio devi comprare qualcuno, serve un grande giocatore, sennò è giusto a continuare a puntare sui giovani prospetti. L'Atalanta dopo 5 giornate disastrose, contro il Napoli ha puntato tutto sui giovani, vincendo e ripartendo. E così anche il Milan. Perché se non puoi permetterti i fuoriclasse è giusto che punti sul tuo prodotto. Ultimamente nei giovani serve qualcosa di diverso dal fisico, più qualità tecniche. Una cessione di de Vrij? Dopo gli scudettati, la Lazio non ha mai avuto centrali così forti, se la Lazio tiene de Vrij e Anderson aggiungendo un paio di fuoriclasse può veramente arrivare al top e avvantaggiarsi rispetto alle altre. Bastos, Wallace e Hoedt sono meno forti di de Vrij, ma hanno grande qualità e possono migliorare molto".