LAZIO STORY - 13 settembre 2003: quando la Lazio superò di misura la Sampdoria

 di Alessandro Vittori Twitter:   articolo letto 3260 volte
Fonte: Alessandro Vittori - Lalaziosiamonoi.it
LAZIO STORY - 13 settembre 2003: quando la Lazio superò di misura la Sampdoria

La Lazio parte alla volta dell’Olanda dove domani esordirà in Europa League contro il Vitesse. Esattamente 14 anni fa i biancocelesti si preparavano sempre all’appuntamento europeo, ma in quell’occasione in Champions League contro il Besiktas: il calendario però opponeva la Sampdoria nella seconda giornata di campionato.

SAMPDORIA - LAZIO - Mancini ritorna nella sua Genova e fa ricorso ad un mini turnover. In difesa Zauri sostituisce Oddo, mentre in mezzo al campo Cesar siede in tribuna leggermente acciaccato. Nel classico 4-4-2 l’attacco è affidato a S.Inzaghi e Muzzi, con Corradi e C.Lopez inizialmente in panchina. La partenza della Lazio è a razzo e già al 9’ arriva il vantaggio: palla morbida di Mihajlovic, sponda di Stankovic e girata di Inzaghi su cui Antonioli non può nulla. Al 15’ la Sampdoria ha subito l’occasione del pareggio grazie ad un generosissimo rigore concesso dall’arbitro Messina, ma Peruzzi ipnotizza Doni e salva il vantaggio biancoceleste. Nella ripresa al 64’ ancora su rigore arriva il raddoppio dei capitolini firmato Albertini, che da fermo realizza con freddezza. Al 73’ la partita viene riaperta da un grande colpo di testa di Bazzani che mette la palla sotto l’incrocio alla sinistra di Peruzzi. A questo punto la Lazio si chiude con ordine e limita gli attacchi dei blucerchiati. Al fischio finale un Mancini, commosso per l’ovazione ricevuta dal suo ex pubblico, può archiviare il campionato e iniziare a pensare al Besiktas.