"Anxur Biancoceleste", Milinkovic e Prce premiati a Terracina - FT&VD

Pubblicato il 10/01 alle 21.39
 di Francesco Tringali  articolo letto 6518 volte
Fonte: Dai nostri inviati Federico Erdi e Alessandro Vittori - Lalaziosiamonoi.it
"Anxur Biancoceleste", Milinkovic e Prce premiati a Terracina - FT&VD

AGGIORNAMENTO ORE 23.20 - Dopo  l'estrazione che ha visto in palio anche una visita nel centro sportivo di Formello, la serata volge al termine. A Terracina si chiude un altro magico evento all'insegna della piena lazialità.

AGGIORNAMENTO ORE 22.50 - Momento speciale per Sergio Cragnotti, a cui viene consegnata a sorpresa una torta di compleanno (festeggiato ieri). Visibilmente emozionato, l'ex numero uno laziale accoglie l'abbraccio e l'affetto del popolo laziale di Terracina. Subito dopo riceve anche lui il premio della serata: "Ho sempre gradito questi inviti, nel 93-94 li ho girati quasi tutti. Quella gente ha bisogno di noi. Il maltempo sta flagellando quelle zone, vi prego di stare vicino a questa gente. Spero si ricostruisca tutto al più presto. Quando ho preso la Lazio mi ero promesso di fare una grande squadra. Con Sensi volevamo fare di Roma la Capitale del calcio Italiano. Con tanti sacrifici ci siamo riusciti. Spero che oggi la Lazio ci continui a far sognare come sta facendo finora". 

AGGIORNAMENTO ORE 22.40 - Immancabile la presenza di Maurizio Manzini, che dopo esser volato a Bruxelles ieri, commenta così la serata: "Assolutamente i laziali sono così, nessun altro può vantare la lazialità: è un qualche cosa di indefinibile o definibile in tanti modi. È sacrificio, fede e passione. Lazialità è amore, amore è il termine che ben descrive. Ieri sono stato a Bruxelles per i 117 anni della Lazio e prima di recarmi alla tomba del fondatore Luigi Bigiarelli, siamo stati ricevuti dal sindaco di Bruxelles e siamo stati in una grande manifestazione, è stato bellissimo quando hanno scoperto il Manneken-pis ed era vestito della Lazio. Uno dei momenti più emozionanti della mia carriera alla Lazio. Questa serata riporta un altro tassello alla nostra storia, questo entusiasmo viene riferito alla squadra che è molto sensibile a queste cose, a differenza di come viene descritta". Subito dopo è momento premiazione per Fabio Liverani: "Ringrazio per l'invito, era un periodo difficile prima di quel derby (6 gennaio 2005). Una linea difensiva inedita, sulla carta non c'era partita. Il ritorno di Paolo sembrava scritto, doveva per forza segnare sotto la Sud dopo tanti anni. La squadra della vittoria in Coppa Italia era di grande spessore umano, si è unita e ha coronato un ciclo con la vittoria contro la Juventus nella coppa nazionale. Spero che i momenti di difficoltà che stanno passando nelle zone terremotate possano passare, noi siamo presenti, è un dovere esserci perché con grande dignità ci si può rialzare". Riconoscimento anche per Massimo Maestrelli, figlio di Tommaso: "Il motore della Lazio è il tifoso. Negli anni settanta ogni settimana allo stadio c'erano tanti club. Partecipare per me è un onore".

Un’altra grande serata all’insegna della lazialità: all’indomani del 9 gennaio, dopo aver festeggiato il compleanno della prima squadra della Capitale, per la prima volta si alza il sipario sul premio “Anxur Biancoceste”. Un'iniziativa che vuole premiare coloro i quali si sono distinti per meriti, stile e lazialità nel loro settore: la serata in corso ha come sempre una finalità benefica e questa volta saranno raccolti fondi per la ricostruzione di Amatrice, causa per la quale sarà inoltre devoluta una somma già raccolta. Al ristorante La Capannina, presso la Riviera di Levante a Terracina, sono arrivati Sergej Milinkovic-Savic e Franjo Prce, accolti dall'entusiasmo di grandi e piccoli. Presenti e premiati anche altri personaggi del mondo biancoceleste come l'ex presidente Sergio Cragnotti, Giuseppe Pancaro e Fabio Liverani. Messa all'asta anche una maglia autografata di Ciro Immobile. Tra foto, autografi e la sana beneficienza, un'altra serata tra laziali a Terracina.