VERSIONE MOBILE
 Mercoledì 17 Settembre 2014
MULTIMEDIA
MULTIMEDIA

Lotito al San Camillo incontra Ashley Mills: "Sono qui perché...". Stasera Lazio in campo con maglia antirazzismo - FOTO&VIDEO

Dal nostro inviato Stefano Fiori
PUBBLICATO IERI ALLE 16.45
27.11.2012 08:30 di Marco Valerio Bava Twitter: @Marcollsn  articolo letto 19029 volte
Fonte: MarcoValerio Bava-Lalaziosiamonoi.it

AGGIORNAMENTO ORE 08.00- La campagna antirazzismo della Lazio non si ferma. Secondo quanto riportato dall’edizione odierna del Corriere dello Sport nell’articolo a cura di Daniele Rindone, i biancocelesti oggi, nella partita con l’ Udinese,  scenderanno in campo con una maglia speciale per combattere l’intolleranza. “No al razzismo” è lo slogan che comparirà in bella evidenza sulle divise biancocelesti. Un grido forte e deciso per ribadire l’estraneità del mondo Lazio al raid di Campo dei Fiori e al coro “Juden Tottenham”, intonato all’Olimpico da pochi stupidi, che poco hanno a che fare con i valori olimpici di fratellanza e umanità, che fin dal 1900 sono stati incarnati dal club biancoceleste.

AGGIORNAMENTO ORE 20.00 -   Ai microfoni di Lazio Style Radio fm 100.7, anche il responsabile della comunicazione della S.S. Lazio Stefano De Martino, ha parlato della visita fatta all'ospedale San Camillo: "E' stato un bel momento sia per noi che per  il ragazzo e per la sua famiglia che abbiamo avuto il piacere di conoscere. Il primario ci ha confessato che la sera dell'accaduto le condizioni del ragazzo erano molto gravi e che dopo un'operazione abbastanza seria adesso la situazione é in miglioramento. Siamo stati accolti dalla famiglia con un sorriso e sia lo stesso ragazzo che il fratello, ci hanno subito detto che anche per loro la Lazio e i suoi tifosi non c'entrano assolutamente nulla. Noi ci siamo offerti di pagare tutte le spese che la famiglia sosterrà per stare vicina al ragazzo, perché ci sembrava il minimo che potessimo fare. Abbiamo voluto abbracciare il ragazzo e dargli un ipotetico abbraccio anche da parte di tutta la gente laziale ma non siamo andati li per scusarci di nulla, come magari qualcuno aveva detto, perché la Lazio non ha nessuna colpa. Il suo decorso adesso é positivo e noi ci terremo in contatto per sapere come precede. In questo momento la maglia della Lazio é li con lui e di questo ne siamo molto felici come ne é felice il ragazzo". 

AGGIORNAMENTO ORE 18.30 -  All’uscita dell’ospedale il presidente Lotito ha risposte alle domande di alcuni giornalisti, partendo dalle condizioni in cui si trova Mills: ”Sta abbastanza bene, ha subito una serie di interventi che hanno scongiurato il peggio. Sono venuto a trovare il ragazzo perché ritengo che dovesse cancellare dalla sua mente le immagini negative della città di Roma e della Lazio come club”. Società che ha mostrato affetto e disponibilità nei confronti del ragazzo, pur essendo totalmente estranea ai fatti: “I tifosi della Lazio non c'entravano niente, si è trattato di semplice delinquenti, tra l'altro che appartenevano anche ad altre tifoserie. Da presidente della Lazio rivendico la totale estraneità dei propri tifosi che, lo vedrete anche domani, si sono completamente dissociati da questi atteggiamenti che non hanno nulla a che vedere con lo sport. Noi come società abbiamo sempre combattuto la discriminazione razziale. Da quando sono presidente combatto quotidianamente per prevenire certi fenomeni. I rapporti con la comunità ebraica sono di rispetto e stima reciproca, tutto si può dire meno che la Lazio pratichi azioni razziste”. Il presidente del World Jewish Congress ha anche paventato l’ipotesi di una sospensione della Lazio dalle coppe:Questa è una delle cose che sottolineerò in certi ambienti, immaginate i danni che ha prodotto. Una persona dall’America, sulla base delle notizie diffuse e sbagliate, ha pensato fossero stati i laziali e ha dichiarato che la Lazio debba essere cacciata dalle coppe senza motivo. Io in quella giornata avevo portato Gascoigne che rappresentava l’idolo delle due curve, pensate se la società avesse in mente di creare una situazione di questo genere. Sono tutte cose che non appartengono alla nostra filosofia, ai nostri valori, al nostro modo di essere e di agire e aggiungo che in queste situazioni i mezzi di informazione prima di diffondere devono verificare, è un problema deontologico, i danni che producono sono incalcolabili sotto tutti i punti di vista”. Una battuta infine sui cori antisemiti e di appoggio alla Lazio dei tifosi del West Ham nel derby con il Tottenham: Dimostra il fatto che il problema è a livello internazionale, come ho sempre detto, ma voglio sottolineare i  danni prodotti della cattiva informazione che ha mandato per il mondo una brutta immagine della Lazio”.

AGGIORNAMENTO ORE 17:30 - Il quadro clinico di Ashley Mills è in netto miglioramento. Il pericolo più grande è stato scongiurato per il giovane tifoso del Tottenham accoltellato all'interno del pub Drunken Ship di Campo de' Fiori alla vigilia della partita di Europa League tra gli Spurs e la Lazio. La società si era resa disponibile all'incontro già nei giorni scorsi, ma il ragazzo versava ancora in condizioni precarie e aveva  preferito declinare la visita.

Lo aveva annunciato in mattinata. Claudio Lotito ha dato seguito alle parole e intorno alle 16.45, si è presentato all’ospedale San Camillo di Roma, per visitare Ashley Mills: il ragazzo inglese ferito –mercoledì notte- nel raid di Campo de’ Fiori. Il presidente, insieme a Igli Tare e Stefano De Martino, entrando nel nosocomio, non ha voluto rilasciare dichiarazioni. La delegazione, inoltre, regalerà una maglia della Lazio ad Ashley Mills.



 








 

foto di ANSA/ANGELO CARCONI

foto di ANSA/ANGELO CARCONI


Altre notizie - Multimedia
Altre notizie

TOP LEAGUE - IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLUES IN PREMIER, L'ATLETICO CONQUISTA MADRID. RIPARTE IL BAYERN, STOP PER IL PSG

Suona sempre la stessa musica in Premier, quel Blues che non passa mai di moda, irradiato a tutto volume dalla band di Mourinho & co, sempre primi a punteggio pieno dopo il poker rifilato allo Swansea. Si sbloccano finalmente i Red Devils, anche loro forza 4 sul QPR. In Spagn...

FOCUS - DURA LEX, LA LEGGE DELL'EX: CANDREVA È IL CAPOCANNONIERE DELL'ULTIMO DECENNIO

Il più classico dei 'vince e convince'. La Lazio giustizia il Cesena tra le mura amiche, con il pubblico...

ESCLUSIVA - BEGHETTO, ALL. VICENZA PRIMAVERA: "LAZIO PIÙ ESPERTA, MA NOI NON MOLLIAMO MAI"

Il telefono squilla nel pomeriggio di venerdì 29 agosto: Massimo Beghetto va a rispondere. Dall'altra parte del...

PAIDEIA - LESIONE MUSCOLARE DI PRIMO GRADO PER RADU: 15-20 GIORNI DI STOP

AGGIORNAMENTO ORE 14 - Sospetti confermati. Dal comunicato ufficiale della Lazio sulle condizioni di Stefan Radu non arrivano...

RINNOVO ONAZI, CI SIAMO: ENTRO FINE MESE LA FIRMA CON CLAUSOLA RESCISSORIA

Eddy Onazi ad un passo dal rinnovo. Dopo le tante voci di mercato che si sono rincorse durante l'estate, il nigeriano sta...

LULIC: "ORGOGLIOSO DI INDOSSARE LA FASCIA DA CAPITANO! L'EUROPA? GIOCANDO COSÌ..."

Tanto lavoro sporco, una prestazione utile alla causa in entrambe le fasi. Il nuovo Senad Lulic corre come un matto in mezzo...

MINALA: "SOGNO DI GIOCARE CON IL CAMERUN! MA SE DOVESSI OTTENERE LA CITTADINANZA ITALIANA..."

“Un ragazzo gentile e maturo. È questa la prima impressione che si ha quando si parla con Joseph Marie...
   Editore: Alessandro Zappulla Norme sulla privacy