PAGELLE Fiorentina - Lazio: la difesa balla, l'attacco spara a salve

09.05.2021 07:32 di Carlo Roscito Twitter:    Vedi letture
Fonte: Carlo Roscito - Lalaziosiamonoi.it
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
PAGELLE Fiorentina - Lazio: la difesa balla, l'attacco spara a salve

REINA 5,5: Punito a porta vuota, non riesce a interrompere il cross basso di Biraghi, a quel punto per Vlahovic è una sciocchezza spingerla dentro. Mura l’attaccante quando incrocia col sinistro, poi si fa sorprendere sul colpo di testa che chiude i giochi. Forse poteva fare qualcosa di più per evitare il 2-0. 

MARUSIC 6: Centrale, terzino, esterno. L’unico dei difensori o esterni - fatta eccezione per Acerbi - a rimanere in campo fino alla fine. Salva una possibile ripartenza a inizio gara, è quasi un gol. Poi anche lui non spicca nel grigiore generale.

ACERBI 5,5: Tiene in gioco il pallone che si trasforma nel vantaggio viola. Il tocco col destro non è deciso e a quel punto si trova posizione dopo il rimpallo vinto da Castrovilli. Cerca di controllare Vlahovic, è un lavoraccio visto il momento del serbo. Prende un giallo intelligente con la squadra tutta scoperta, ormai ha già scontato la diffida.

RADU 5: Gara imprecisa, nel primo tempo sbaglia un appoggio all’indietro che fa partire un contropiede pericolosissimo. Ammonito nella ripresa, intervento duro che è quasi il simbolo delle difficoltà incontrate. Esce nei minuti finali per gli ultimi assalti.

Dal 75’ MURIQI 5,5: Prova un’inzuccata, tentativo troppo centrale. Rimane l’unica cosa degna di nota.

LAZZARI 5: Sempre pronto a spingere, una volta che arriva sul fondo però i cross sono tutt’altro che invitanti. Tant’è che Inzaghi sceglie di togliere anche lui per far entrare un calciatore più offensivo.

Dal 64’ PEREIRA 4,5: Non combina nulla, non trova né posizione, né spazio per poter inventare una giocata utile. Espulso nel recupero, fallo tattico dopo aver perso un pallone per troppa ostinazione.

MILINKOVIC 6: In apertura aveva pescato Correa con una sponda perfetta in area. Uno dei pochi ispirati, seppure a intermittenza. Nel finale altro suggerimento d’oro per Immobile, purtroppo non viene sfruttato nemmeno quello.

LEIVA 6: Cala dopo l’intervallo, fino al 45’ è uno dei migliori con palloni strappati in pressing che consentono alla Lazio di spingere in continuazione. Un altro dei cattivi per Maresca, salterà il Parma per squalifica.

Dal 64’ CATALDI 5,5: Prova a metterci cattiveria e dedizione, finisce nel perdersi nella confusione generale che caratterizza l’ultima mezzora biancoceleste.

LUIS ALBERTO 5,5: Poco illuminante, al Franci in passato aveva brillato, passa una serata in modalità off. Nonostante tutto sarebbe stato meglio lasciarlo in campo. Da quando viene sostituito non si crea più nulla.

Dal 75’ AKPA AKPRO 5,5: Pochi palloni recuperati e il solito giallo, una sentenza.

LULIC 5: Poco attivo, la Lazio spinge più dalla parte opposta, non riesce a essere un fattore. Un passo indietro rispetto alle ultime due prestazioni, non conferma i progressi.

Dal 63’ LUIZ FELIPE 4,5: Mezzora in cui dimostra tutto il periodo trascorso ai box. Milleduecentocinquantotto falli commessi e la marcatura morbida su corner su Vlahovic. L'unica giustificazione è appunto il lungo stop. 

CORREA 5: Si era scatenato contro Milan e Genoa, oggi ha sul destro la chance per indirizzare il match, invece spara a salve colpendo di interno invece che di collo pieno. Da lì in poi si spegne come il resto dei compagni.

IMMOBILE 5: Movimenti perfetti, poi gli manca la precisione nella stoccata. Peccato, perché in una serata del genere serviva il Ciro versione Scarpa d’Oro.

ALL. INZAGHI 5: Partita brutta e confusionaria, soltanto a inizio gara la Lazio sembra sul pezzo. Una volta subito il gol non reagisce come ha abituato. Forse a Firenze scorrono i titoli di coda sulla rincorsa Champions.