ESCLUSIVA - Igor Protti: "La Lazio può giocarsela con il Napoli. Quarto posto? C'è anche il terzo..."

Pubblicato il 17/01/2019 alle ore 13.00
18.01.2019 06:45 di Leonardo Giovannetti Twitter:   articolo letto 3367 volte
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
© foto di Federico De Luca
ESCLUSIVA - Igor Protti: "La Lazio può giocarsela con il Napoli. Quarto posto? C'è anche il terzo..."

Avere il fiuto del gol è una dote, una qualità innata. C’è chi è cresciuto con quell’istinto, costruendoci sopra una carriera. È il caso dell’ex attaccante Igor Protti. Soprannominato lo Zar, è stato l’unico bomber in grado di vincere la classifica capocannonieri in Serie A, Serie B e Serie C1. Insomma, sotto porta diceva sempre la sua. Nella lunga carriera calcistica, ha indossato anche la maglia della Lazio e del Napoli. Ai microfoni de Lalaziosiamonoi.it, ha parlato proprio del prossimo match tra la squadra di Inzaghi e quella di Ancelotti: “Sarà una partita sulla falsa riga di quello che è stata gli ultimi anni. Io credo che Lazio e Napoli abbiano dimostrato di essere tra le squadre che giocano meglio, e quando si affrontano vengono fuori quasi sempre belle gare. Questa volta, al di là dei 12 punti di differenza, mi aspetto una partita equilibrata perché arriva dopo un periodo di sosta e sarà curioso anche capire che tipo di lavoro è stato svolto in queste settimane. C’è stata la partita di Coppa Italia, ma il campionato è una cosa diversa”.

SULLE ASSENZE - Le assenze del Napoli sono pesanti, i partenopei arrivano a questa partita non al top. Koulibaly è un elemento estremamente importante, loro giocano molto con il possesso palla e la difesa alta e uno come lui per i recuperi è fondamentale. Insigne, Allan, Hamsik, sono altrettanto fondamentali nell’economia di gioco di Ancelotti. Questo è sicuramente un vantaggio per la Lazio”.

SU LUIS ALBERTO E MILINKOVIC - Sono decisivi, non solo per le loro qualità individuali, ma proprio per le caratteristiche che hanno in un contesto come quello della Lazio. I biancocelesti hanno un centravanti che è Immobile, ma davanti non troviamo altri giocatori con grande rendimento in fase realizzativa. È chiaro che diventa fondamentale l’apporto dei centrocampisti offensivi come lo spagnolo e il serbo, che si inseriscono e hanno il gol nel sangue. Sembrano essersi sbloccati, sarà bello vedere se riusciranno di nuovo a mettere in mostra tutte le loro qualità”.

SU IMMOBILE -Immobile in Serie A ha sempre fatto bene, sia con la Lazio che con il Torino. La Nazionale è un’altra cosa, ci vai ogni tanto e trovi compagni diversi. Qualche difficoltà in più può esserci, ci vuole tempo per trovare l’affiatamento giusto. Con la Lazio è entrato completamente nel meccanismo, la squadra e Inzaghi valorizzano le sue qualità. Qui ha trovato il suo ambiente naturale, mi auguro che riesca ad esprimersi anche in Nazionale perché l’Italia ne ha veramente bisogno”.

SUL QUARTO POSTO –Credo che per la terza e la quarta ci sarà alta competizione. Anche se l’Inter si è leggermente staccata, ho la sensazione che ci sarà lotta fino all’ultimo anche per il terzo posto. Le squadre in corsa ovviamente sono Lazio, Milan e Roma. I biancocelesti sono sempre lì, da anni lottano per raggiungere quell’obiettivo”.