ESCLUSIVA - Lazio, Ielpo: “Con il Milan decisivi gli episodi. Quarto posto? Può liberarsi anche il terzo"

Pubblicato il 24/02 alle ore 11:30
25.02.2019 07:22 di Claudio Cianci  articolo letto 5148 volte
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
ESCLUSIVA - Lazio, Ielpo: “Con il Milan decisivi gli episodi. Quarto posto? Può liberarsi anche il terzo"

La Lazio, martedì 26 febbraio, affronterà il Milan in occasione della semifinale di andata di Coppa Italia. Si tratta di un match importante e complesso, i romani vogliono arrivare in fondo alla competizione così come i rossoneri. Per fare una panoramica su questa partita e sul momento delle due squadre la redazione de Lalaziosiamonoi.it ha contattato in esclusiva il doppio ex Mario Ielpo: “Il Milan sembra aver un po’ svoltato, dopo varie vicissitudini societarie e sul campo. Gli arrivi nel mercato di gennaio gli hanno cambiato volto. L’arrivo a pieno regime di Bakayoko ha modificato l’atteggiamento rossonero: da un centrocampo più leggerino e che faceva un possesso palla abbastanza sterile a uno più “dritto” che punta la porta avversaria. Il mondo è cambiato in casa meneghina. La loro vera consacrazione sarebbe quella di raggiungere la Champions, vista la questione del fair play finanziario l’Europa rappresenta uno spartiacque per i milanesi. La Lazio, invece, vista la sua solidità finanziaria va avanti anche senza Champions. I biancocelesti ovviamente insieme alla Roma sono fra le squadre che possono ambire al quarto posto e forse anche il terzo, visto che si potrebbe liberare se l’Inter dovesse continuare a fare fatica. Dal punto di vista della rosa ai romani non manca nulla, forse prendono troppi gol ma hanno tutte le armi per fare bene”.

INFORTUNI - “La Lazio ora ha avuto tutti questi infortuni, così come è capitato al Milan qualche tempo fa. Sicuramente è un problema strano, ormai le squadre hanno dei momenti in cui gliene capitano di tutti i colori, magari hanno delle rose da 30 giocatori ma restano senza elementi di ruolo a disposizione. Sicuramente è un problema importante per la Lazio”.

DOPPIO CONFRONTO - “In questo tipo di incontri bisogna stare attenti, non prendere gol in casa è importante perché altrimenti, poi, diventa tutto più complicato. Lazio e Milan sono squadre che si equivalgono, saranno partite chiuse e le decideranno gli episodi. Ad ogni modo se si prende gol in casa c’è sempre tempo per rimediare al ritorno”.

PIATEK & IMMOBILE - “Piatek stupisce partita dopo partita, quando mi domandavano un giudizio sul calciatore rispondevo che era fortissimo al livello di un fuoriclasse. Però a inizio stagione ci si chiedeva se stesse vivendo un periodo magico o se fosse così per davvero, poi da alcune partite il suo momento è durato tutto il girone d’andata e infine sta perdurando anche nel ritorno. Probabilmente ci avviamo e a dire che è un giocatore incredibile. Immobile? Uno a cui non si può non voler bene, lascia sempre tutto in campo. E' un calciatore di movimento ma porta anche il suo peso in area di rigore. L’unico difetto, se lo si vuole trovare, è che non ha quel dribbling da fenomeno. Gioca sempre le partite con la giusta mentalità, anche se in questo momento vive una fase della stagione differente rispetto a Piatek”.

PRONOSTICO - “Secondo me finirà 1-1 all’andata, ovviamente parliamo di un pronostico, che di solito viene fatto per essere smentiti (ride, ndr).  Questo è un risultato che potrebbe soddisfare entrambe: la Lazio è in un periodo difficile, il Milan potrebbe pensare di rifarsi al ritorno. Se il match dovesse calare su questo binario non credo che negli ultimi 20 minuti le formazioni forzerebbero la mano per cambiare la situazione. Per questo immagino un 1-1 all’andata, poi è chiaro che una delle squadre potrebbe vincere in scioltezza”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge