RIVIVI IL LIVE - Inzaghi: "Un pareggio che non fa classifica. Ritiro finito, domani riposo"

Pubblicato il giorno 8/12/2018 alle ore 23:22
09.12.2018 07:25 di Daniele Rocca Twitter:   articolo letto 17694 volte
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
© foto di Federico Gaetano
RIVIVI IL LIVE - Inzaghi: "Un pareggio che non fa classifica. Ritiro finito, domani riposo"

Il peggior epilogo possibile. La Lazio ce l'aveva fatta, era riuscita a ribaltare il risultato. Il gol di Saponara gela la squadra di Inzaghi, che aveva già assaporato la vittoria. Il tecnico della Lazio analizzerà il match in conferenza stampa, segui la diretta scritta de Lalaziosiamonoi.it.

Valutazione sulla partita?

"Purtroppo abbiamo commesso la disattenzione finale che non ci ha permesso di vincere questa partita e mi dispiace soprattutto per i ragazzi. Ho visto i ragazzi molto affranti, ma questo è il calcio, certo è che dopo una partita così dovevamo vincere perché l'avevamo meritato sul campo. L'avevamo giocata molto bene... purtroppo il palo, il colpo di tacco, in un momento così dovremo essere bravi a indirizzarlo. Come ho detto in altre circostanze non mi appello mai alla fortuna perché la fortuna bisogna portarsela dietro, probabilmente l'anno scorso invece di tre pali sarebbero state tre vittoria consecutive. Invece adesso è un momento così e come ho detto c'è grande rammarico perché una squadra matura come la nostra non dovrebbe prendere un gol come il secondo, lasciando il lancio comodo agli avversari. È un errore di reparto che ci costa sia a livello di classifica che di morale. Ci servirà da lezione."

La miglior prestazione nelle ultime quattro di campionato? Le lettura sui gol?

"Senz'altro bisogna fare più attenzione. Io sinceramente li ho rivisti adesso mentre venivo intervistato velocemente, non li ho ancora analizzato. Ma sicuramente sono d'accordo che bisogna fare più attenzione, così come sono d'accordo che abbiamo fatto una grande partita rovinata dall'errore finale che non ci ha permesso di vincere."

Sui cori dei tifosi alla fine del primo tempo.

"I nostri tifosi ci sono sempre vicini, sono ambiziosi come noi. Anche loro dopo tre pareggi non sono soddisfatti, vogliono di più, come l'allenatore e la società. Ci hanno detto di tirare fuori gli attributi, ma ci sono stati accanto, ci hanno incitato anche quando stavamo sotto. È normale che anche loro non vogliono quattro pareggi, in altri tempi magari sarebbero potuti andare bene, mentre non può andar bene l'approccio avuto con il Chievo stasera. È normale che stasera siano arrabbiati per il risultato, ma hanno visto che i ragazzi hanno dato tutto quello che avevano."

Più rabbia o delusione?

"Sono dispiaciuto per il risultato. I ragazzi in campo hanno dato tutto: ho una squadra matura, seria, che è stata quattro o cinque giorni insieme divinamente, che ha lavorato sempre con tantissima voglia, due volte al giorno, sono sempre stati disponibili verso l'allenatore. Mi dispiacere averli visti in quel modo al rientro negli spogliatoi. Però ci sta, si sa che il calcio è fatto di risultati. Si invocava il pareggio dopo 11 partite, ora ne sono arrivati quattro di fila, ma che non fanno classifica. Dobbiamo anche analizzare che la partita è stata fatta, non giocavamo contro una squadra scarsa, anzi. È un gruppo molto organizzato con un grande allenatore e ottimi giocatori. Gli siamo stati superiori e avremmo meritato la vittoria".

Il ritiro continua?

"Il ritiro con oggi è finito, domani i ragazzi saranno liberi. Ci vedremo lunedì per preparare la partita di giovedì con l'Eintracht nel migliore dei modi."