L'AVVERSARIO - Dimenticare Cardiff e "fare la Juve": la Supercoppa come panacea per ogni male

Pubblicato ieri alle 19.30
 di Saverio Cucina  articolo letto 3279 volte
Fonte: Saverio Cucina - Lalaziosiamonoi.it
L'AVVERSARIO - Dimenticare Cardiff e "fare la Juve": la Supercoppa come panacea per ogni male

L’incubo Cardiff ancora negli occhi e nella mente. Il peso di una storia da onorare, con l’obbligo morale di rialzarsi, sempre e comunque, dopo ogni sconfitta. Non esiste altra via, se non quella di continuare a dimostrare a se stessi, prima che agli avversari, di essere ancora la Juventus. Sei scudetti di fila, due finali Champions conquistate nell’arco degli ultimi tre anni, saranno il miglior biglietto da visita che la squadra di Allegri sventolerà domani al cospetto della Lazio, l’occasione giusta per tornare a gustare da subito il sapore della vittoria, come panacea per ogni male alle reminiscenze amare dello scorso 3 giugno. Da qui ripartiranno i bianconeri: la stessa voglia di ‘ingolfare’ ancor più una bacheca già stracolma di trofei, per iniziare con il piede giusto la nuova stagione, dopo una preseason accompagnata da qualche critica, soprattutto dopo il ko contro il Tottenham della scorsa settimana. In mezzo l’addio a dir poco rumoroso di Leonardo Bonucci, approdato nel Milan ‘pigliatutto’ di Fassone e Mirabelli. Una cessione forse inevitabile dopo i postumi di Cardiff, rimasti neanche troppo sopiti negli ultimi mesi. Sarà la terza Supercoppa negli ultimi quattro anni giocata proprio contro i biancocelesti. Negli ultimi due incroci (uno all’Olimpico, l’altro a Shanghai) il verdetto ha sempre dato ampiamente ragione ai bianconeri, al cospetto di una squadra non all’altezza di un’avversaria troppo più affamata e superiore. Domani sarà un’altra Lazio. La Juve, intanto, sa già di essere la solita Juve.

“HO ANCORA 3 O 4 DUBBI DI FORMAZIONE” - Seduta mattutina a Vinovo per i bianconeri, prima della partenza per Roma del primo pomeriggio. Ancora nodi di formazione da sciogliere per Max Allegri, che intanto si affida al solito 4-2-3-1. Certi di avere una maglia da titolare, oltre Buffon tra i pali, sono Chellini e Alex Sandro in difesa e Mandzukic, Dybala e Higuain in avanti, come confermato dallo stesso tecnico in conferenza. Ballottaggio aperto sulla destra tra Lichsteiner e De Sciglio, e al centro con Barzagli, Benatia e Rugani che si contendono un posto accanto a Chiellini. Sulla mediana, Khedira e Pjanic sembra la coppia favorita, con Marchisio pronto però a far saltare le gerarchie di Allegri. L'ultima maglia se la contendono sulle ali Cuadrado e Douglas Costa. 

Probabile formazione: JUVENTUS - Buffon; De Sciglio, Benatia, Chiellini, Alex Sandro; Khedira, Pjanic; Cuadrado, Dybala, Mandzukic; Higuain.