Leiva: "Alla Lazio mi sono adattato fin da subito. Champions? La prossima stagione ci riproveremo"

Pubblicato il 4/07/2018 alle ore 17.20
05.07.2018 07:23 di Valerio De Benedetti Twitter:   articolo letto 13286 volte
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
© foto di Federico Gaetano
Leiva: "Alla Lazio mi sono adattato fin da subito. Champions? La prossima stagione ci riproveremo"

La Lazio e Lucas Leiva, l'esempio perfetto quando si parla di amore a prima vista. Un colpo di fulmine, una storia ancora tutta da scrivere. In un'intervista rilasciata al magazine bimestrale di FourFourTwo.com, il brasiliano si è raccontato ripercorrendo le tappe fondamentali della sua stagione. Un'annata importante per lui, in cui si è rilanciato con la maglia biancoceleste dopo i trascorsi al Liverpool, conquistando tutti fin da subito: "Premio come miglior giocatore della stagione? È stato veramente molto bello, mi sono ambientato facilmente e molto velocemente in Italia. Mi sento adatto per lo stile di gioco della Lazio, e questo è importante quando si comincia un'avventura con un nuovo club. Tutto questo mi ha permesso di giocare bene in questa prima stagione".

LA CHAMPIONS SFIORATA - "È stato molto frustrante. Abbiamo lavorato duramente e avremmo meritato di qualificarci per la buona stagione. Ma questo è il calcio. Abbiamo fatto alcuni errori e li abbiamo pagati a caro prezzo alla fine. È stata una grande delusione, ma ne dobbiamo uscire a testa alta per migliorarci ancora. La prossima stagione sarà estremamente importante per la Lazio".

LE RETI SEGNATE - "Segnare molto è stata una cosa veramente speciale per me. Chi mi conosce sa che non è proprio la mia specialità, ma alla Lazio ho avuto la libertà di andare più avanti e di aiutare la squadra nella transizione dal centrocampo all'attacco. Ho trovato un buon feeling con la porta e non ci voglio rinunciare".

MILINKOVIC - “Lui è un giocatore davvero talentuoso e in campo ci mette sempre tanto impegno. Queste sue due caratteristiche chiave, gli permetteranno di avere successo in qualsiasi campionato europeo”.

ROMA - “Questa città non è per niente male. È un posto pieno di cultura, il tempo è buono e si vive bene. Ho lasciato tanti amici a Liverpool, resterà per sempre parte della mia vita”.