Tania Zamparo: "La Lazio mi manca da morire..."

12.09.2008 10:05 di Alessandro Zappulla  articolo letto 4816 volte
Fonte: La Provincia Quotidiano - di Alessandro Zappulla
Tania Zamparo: "La Lazio mi manca da morire..."

Il campionato è appena agli inizi, ma la passione per la Lazio è tornata ad accendersi. Termometro di un clima diverso rispetto all’anno passato è la corsa agli abbonamenti. Sfiorata infatti, quota 25.000 tessere lo stadio Olimpico non avrà più quel colpo d’occhio semi deserto dello scorso campionato. Tanti tifosi hanno dunque deciso di tornare allo stadio per seguire di domenica in domenica la compagine di Rossi, in un amore ritrovato per i vessilli biancocelesti, che ha richiamato a sé, anche tanti tifosi illustri, che nel recente passato avevano disertato le tribune dell’Olimpico. E per parlare di Lazio e non solo siamo andati da chi quei colori li ha sempre ostentati, vestiti e sventolati, quasi ad ornamento della sua indiscussa bellezza. Tania Zamparo, al secolo Miss Italia 2000, oggi impegnata nella nuova veste televisiva di conduttrice Sky, conferma la sua fede laziale: “Lavoro a Milano quest’anno, ma quando potrò tornerò a Roma, perché mi manca la Lazio”. Tania madrina e portafortuna biancoceleste ha più volte affiancato infatti, la sua immagine di donna dello spettacolo e della moda alla Lazio senza mai nascondere la sua passione:
Tania ora che sei a Sky che ne hai fatto della tua lazialità?
“Come che ne ho fatto !? Ricordo a tutti che sono della Lazio. Certo qui è una grande famiglia e si lavora in maniera professionale, ma la fede calcistica è un’altra cosa ed io laziale ci resterò a vita”.
A proposito di lavoro ci parli di questa avventura a Sky?
“Tutto è nato in estate. Nella grande famiglia di Sky si cercavano infatti volti nuovi, non necessariamente legati al mondo del giornalismo sportivo, da inserire nelle redazioni di Sky News. Sono stata contattata ed ho sostenuto una selezione. Dopodiché sono stata chiamata per iniziare quest’esperienza, che considero importantissima per me e per la mia carriera…”
Dunque abbandoni Moda e Spettacolo?
“No non l’abbandono, ma ora ho decisamente meno tempo per riuscire a gestire alcune cose relative a quell’ambiente. Nasco nella moda e adoro lo spettacolo, ma adesso sono orientata verso questa nuova dimensione che unisce calcio e sport e vorrei riuscire a realizzarmi qui a Sky”.
Come sei diventata della Lazio?
“Mi sono innamorata della Lazio quand’ero ragazza poco più che adolescente. In quel periodo avevo un grosso sentimento, che mi legava ad un ragazzo tifosissimo della Lazio. Lui spesso mi portava con se in Curva Nord e in quelle occasioni sono rimasta colpita da una squadra ed un tifo che reputo meravigliosi”.
Siamo nel periodo dell’anno in cui inizia la chermes di Miss Italia. Che ricordi hai di quell’edizione che ti incoronò come la più bella in assoluto?
“Ho un ricordo stupendo. Per me quella competizione è stata una vetrina importantissima. Ho letto alcune critiche ultimamente che sottolineavano gli scarsi share d’ascolto in queste prime serate. Invece io non credo affatto che Miss Italia sia ormai un concorso demodé, come qualcuno vuole lasciar intendere. Intanto sono certa che gli indici di ascolto torneranno come sempre ad avere picchi importanti nell’ultima serata e poi vorrei ricordare che dalla gara per sancire la più bella del Paese sono uscite delle bravissime attrici, giornaliste e showgirl, fra tutte basti ricorda Alba Parietti, Anna Valle, Simona Ventura, Caterina Balivo ecc..”
Ma torniamo al calcio e alla tua nuova veste sportiva a Sky. Chi vincerà il campionato?
“Sono certa che sarà un campionato bello ed avvincente. Vedo in pole l’Inter che mi sembra la squadra più attrezzata, ma subito dopo se non alla pari metterei Juve, Roma e Milan. Un gradino più in basso c’è la Fiorentina e poi via dicendo tutte le squadre che lottano per un posto in Uefa”.
Cioè? La Lazio?
“La Lazio mi piace come squadra. Non so onestamente se è alla pari di Samp, Udinese e Palermo, ma penso che possa comunque onorare il campionato e lottare per inserirsi in un discorso Uefa”.
Pescando nel folto palcoscenico della serie A, qual è per Tania Zamparo il giocatore più bello e quello più forte?
“Domanda complessa, anche perché io non mi soffermo mai ad osservare certi aspetti dei calciatori. Comunque se mi dovessi sbilanciare, direi il più forte Buffon, mentre il più carino Di Natale”.
E nella Lazio?
“Ultimamente il calcio ci abituati a non affezionarci più a nessuno. Però è indubbio che nella nostra Lazio la bandiera a cui ci dobbiamo attaccare con tutte le forze è Tommaso Rocchi, il nostro capitano. Anzi colgo l’occasione per augurargli un pronto rientro, lui è troppo importante per la squadra”.
Tutte le interviste che si rispettino, concludono parlando dei sogni nel cassetto. Tu quali sogni hai ancora da realizzare?
“Io sono molto contenta per tutto ciò che mi è successo fino adesso. Ho avuto le mie esperienze nella moda e nello spettacolo, partendo dal mio successo al concorso di Miss Italia, perciò sotto questo aspetto non mi sento di chiedere altro. L’unico sogno che conservo con me è invece quello di costruire una famiglia. Vorrei un futuro tranquillo con una famiglia solida, questa sarebbe la mia soddisfazione più grande…”
Quindi sei innamorata..!?
“Uhm domanda di riserva?? Non ve lo dico, più di qualcuno si è lamentato con me di averlo fatto innamorare, ma per adesso il mio sogno nel cassetto è ancora sotto chiave…”
Andrai all’Olimpico per Lazio-Samp. Domenica?
“No..! Lavoro. Però la seguirò lo stesso e mi auguro davvero che la Lazio vinca, almeno guardando i gol mi sentirò meno distante da lei…”