Sky, in arrivo aumento per gli abbonati: ecco perché

31.03.2020 09:00 di Leonardo Giovannetti Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Sky, in arrivo aumento per gli abbonati: ecco perché

Costretti in casa per l'emergenza Coronavirus, gli italiani devono intrattenersi con i diversi "strumenti" domestici a disposizione. Tra questi, c'è sicuramente la televisione. E non potevano mancare alcune offerte per tenere in compagnia i cittadini. Come quella di Sky, che ha concesso la visione gratuita di alcuni canali non compresi nella propria sottoscrizione. Eppure, i clienti in questi giorni stanno ricevendo la comunicazione di un aumento in arrivo “per esigenze organizzative e amministrative”. Quest'ultimo entrerà in vigore dal primo maggio del 2020, l'importo relativo dipenderà dal numero di pacchetti sottoscritti. Nella mail si legge testualmente: “In questi anni hai beneficiato di un prezzo dedicato del tuo abbonamento, scontato rispetto a quello di listino, fruendo di uno sconto che puoi vedere direttamente in fattura in corrispondenza della riga relativa allo sconto rispetto al listino in vigore”. Per alcuni, come scrive il portale "Calcio e Finanza" l'aumento sarà quasi irrilevante, circa di 1,10 euro mensili. Ma si tratta prevalentemente di chi ha aderito a diverse opzioni tematiche e quindi paga già ogni 30 giorni una cifra consistente. Per altri clienti, invece, si può arrivare a una maggiorazione di 3,50 euro mensili. Il tutto per parificare il piano a cui si è aderito al listino vigente, al termine di uno sconto. Sky darà però la possibilità di recedere anticipatamente dall'abbonamento, senza costi aggiuntivi. Basterà inviare la comunicazione ponendo come oggetto o causale "modifica delle condizioni contrattuali", con una di queste modalità: 

- una raccomandata A/R all’indirizzo Sky Italia Srl, Casella Postale 13057 – 20141 Milano:

- inviando una PEC all’indirizzo servizioclientisky@pec.skytv.it;

- chiamando il numero 02 917171;

- accedendo all’area riservata dal sito Sky.it;

- recandoti presso uno dei centri autorizzati.

Dal primo maggio non verrà quindi addebitato alcun costo, entro il 30 aprile sarà effettuato il recesso dell'abbonamento.

LAZIO, IL PUNTO DEL DS IGLI TARE

FIGC, LE PAROLE DI GRAVINA

CLICCA QUI PER TORNARE ALLA HOME