Coronavirus, Spadafora ribadisce: "Limitazioni in sei regioni". Lazio - Bologna a porte aperte

Il Ministro per le politiche giovanili e lo sport ribadisce che le porte chiuse sono limitate alle sei regioni colpite dal coronavirus
26.02.2020 07:22 di Alessandro Vittori Twitter:    Vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
Coronavirus, Spadafora ribadisce: "Limitazioni in sei regioni". Lazio - Bologna a porte aperte

In serata è previsto il nuovo decreto della presidenza del consiglio sull'emergenza coronavirus. Nelle ultime ore erano trapelate delle indiscrezioni sulla possibilità di giocare a porte chiuse l'intera prossima giornata di campionato. All'uscita dal Coni, ai cronisti presenti il Ministro per le politiche giovanili e lo sport, Vincenzo Spadafora ha ribadito quanto già detto ieri sera: "Si possono disputare le competizioni sportive a porte chiuse nelle sei regioni interessate, che sono Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Liguria ed Emilia-Romagna. Monitoriamo passo dopo passo, in questo momento non ci sono condizioni e motivazioni per estendere le restrizioni ad altre regioni". Quindi, in base a queste parole, viene ribadito il fatto che Lazio - Bologna di sabato alle 15 verrà disputata a porte aperte.

LIMITAZIONI DEI VIAGGI? - "Chi si muove dalle regioni, purché non si muova e non può muoversi dalle zone che sono zone di focolai, non è che diventa fattore di rischio. Noi stiamo cercando di intervenire sui tre livelli: quello più critico è quello dove si sono ritrovati i focolai e abbiamo preso decisioni drastiche. Il secondo livello è quello dei casi che stiamo accertando. Stiamo verificando che tutti riconducibili ai focolai di partenza. Al di fuori di questo secondo ambito non c'è pericolo, non ci sono elementi per poter pensare a una situazione diversa anche da chi pensa di spostarsi da una regione all'altra".

JUVENTUS - INTER IN CHIARO - "Lo decidono le Leghe. Io non entro nelle scelte autonome del mondo dello sport. Le nostre disposizioni sono di non giocare le competizioni se non a porte chiuse. Per il resto so che alcune società ci hanno detto che le porte chiuse creano danni. Ma noi non abbiamo imposto le porte chiuse, se ci sono date disponibili per giocare più avanti va bene ma noi non abbiamo disposto di giocare obbligatoriamente a porte chiuse".

Pubblicato il 25/2/20 alle ore 16:09