Lazio - Atalanta, Sarri: "Siamo destinati a far bene. Contratto? Nell'ultimo mese..."

23.01.2022 06:50 di Elena Bravetti Twitter:    vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
Lazio - Atalanta, Sarri: "Siamo destinati a far bene. Contratto? Nell'ultimo mese..."
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it

Dopo le parole dei protagonisti di Lazio - Atalanta, è toccato a Maurizio Sarri analizzare il pareggio arrivato all'Olimpico. L'allenatore ha commentato la prova dei suoi ai microfoni di DAZN: "L'aspetto positivo è che la squadra, da un mesetto a questa parte, sta cominciando a stare in campo veramente da squadra. Ha fatto anche una fase offensiva da squadra, siamo arrivati nei pressi dell'area avversaria con facilità e frequenza. Ci sono mancati gli ultimi 20 metri, ma c'è da considerare che venivamo da una gara terminata ai supplementati. Abbiamo spremuto gli stessi calciatori soprattutto a centrocampo. Un po' l'abbiamo pagato in termini di brillantezza. All'avversario mancavano tanti giocatori ma aveva comunque la linea difensiva titolare. Stasera abbiamo fatto fatica a saltare l'avversario nell'uno contro uno. La squadra sta facendo partite serie, difende con energie diverse, riesce ad avere una supremazia territoriale mancata. Se l'atteggiamento continua a essere questo, siamo destinati a far bene".

ASSENZE - "A noi mancavano cinque giocatori e due mi sono rientrari ieri. Se a loro mancavano 8 giocatori, a me non è che ne mancassero meno. Fatiche di Coppa? Un po' sì, l'hanno condizionata. Non tanto per la quantità di corsa quanto per il livello di brillantezza. Senza Pedro in quel ruolo siamo rimasti corti, abbiamo spremuto i giocatori nel giro di una settimana. Felipe Anderson? Ha un carattere particolare, sensibile. Ha dei meccanismi mentali diversi rispetto alle persone che hanno una sensibilità normale. Fa un mestiere che se ne dovrebbe fregare, di tutto e di tutti. Un minimo di faccia tosta bisogna averla. Quando ho sentito che il pubblico lo beccava, stavo pensando di sostituirlo. Ho deciso di non farlo, sapevo che l'avrebbe abbattuto ancora di più". 

OCCASIONE SPRECATA? - "Bicchiere mezzo pieno? Sono contento dell'aspetto tattico. La squadra è bella, compatta, corta, gioca a calcio. Sembra strano visto che abbiamo subito tanto e segnato tanto, ma questa sera c'è mancata la fase offensiva. Senza Pedro lasciamo l'area un po' vuota".

Il tecnico biancoceleste è poi intervenuto anche ai microfoni di Sky Sport: "L'Atalanta aveva delle grandi difficoltà, ma anche noi avevamo cinque giocatori fuori e due rientrati solo ieri. Penso che a livello tattico abbiamo fatto una buona partita. E' mancato un pizzico di brillantezza, soprattutto nel secondo tempo. Penso che i 120 minuti di martedì abbiamo inciso in questo senso. Dal punto di vista offensivo abbiamo fatto una buona partita con facilità, palleggio e qualità. Nella zona di campo dove serviva un po' di brillantezza fisica in più abbiamo pagato qualcosa. E' vero che l'Atalanta era in difficoltà, ma i difensori li aveva tutti e per il tipo di partita che ha fatto gli hanno fatto molto comodo".

ULTIMI VENTI METRI - "Secondo me oggi è mancato un pizzico di brillantezza come dicevo. Siamo anche noi in un momento di assenze e difficoltà. Nell'uno contro uno questo lo abbiamo pagato, un po' per caratteristiche perché Felipe non è uno che attacca molto l'area, Zaccagni sta cominciando a farlo. Penso che se stiamo in campo nella maniera giusta la giornata di grazia la trovano tutti, perché sono giocatori forti ma che possono avere la serata di stanchezza. Felipe prima o poi ci fa una grande partita, Zaccagni sta facendo delle buone partite, il rientro di Pedro ci aiuterebbe molto in questo processo".

INDICE DI "LAZIALITA'" - "Le società sono fatte di persone e questa è una società fatta di persone con le quali mi trovo bene. Tutte, dagli addetti a Formello, ai cuochi, magazzinieri, fisioterapisti. Mi sento a casa, mi sento a mio agio. Lotito? Dell'aspetto tattico si disinteressa, a me non ha chiesto mai nulla. Si interessa se funzionano bene le cose a Formello ma non gli ho mai sentito parlare di un giocatore".

CONTRATTO - "Nell'ultimo mese il presidente ha avuto diversi problemi da sbrigare che forse erano più importanti".

Il mister è poi intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel: "Rammarico? Loro hanno fatto una partita prettamente difensiva avevano assenze nel reparto offensivo e tutti i difensori titolari a disposizione. Io riesco a vedere il bicchiere mezzo pieno abbiamo fatto una buona partita a livello tattico, perché la squadra era corta e compatta e non concedeva. Abbiamo fatto una fase offensiva per 80 metri di campo molto bene, abbiamo portato l’area negli ultimi metri di campo con grande continuità e qualità. Siamo mancati un po’ negli ultimi venti metri, abbiamo lasciato l’area un po’ vuota non abbiamo auto la forza di vincere qualche uno contro uno che probabilmente ci avrebbe risolto la situazione. Abbiamo fatto tre partite in una settimana con sette otto giocatori assenti quindi abbiamo spremuto quelli che hanno giocato stasera che molto probabilmente sono arrivati molto bene con la corsa ma poco brillanti. L’atalanta aveva 8 o 9 assenti noi 5 assenti e due giocatori che sono rientrati ieri senza allenamento da due giorni. Non è che eravamo al completo, in più abbiamo fatto 120 minuti tre giorni fa. Questo intendevo a proposito delle storture del calendario”

CAMBI – “Ci ho pensato a mettere il ragazzino al posto di Felipe Anderon ma visto l’atteggiamento del pubblico che lo stava beccando ho preferito non farlo perché è un ragazzo che ha una sensibilità tripla rispetto a un ragazzo normale e questo lo avrebbe ferito troppo"

NUMERI IN CASA – “Continuità? Noi abbiamo un pubblico che si sente e che si fa sentire, che nelle partite in casa da motivazioni diverse. Nelle ultime cinque trasferte è anche vero che abbiamo fatto 9 punti, la squadra sta crescendo da quel punto di vista. Ci rimane il rammarico di essere una squadra che vince quando domina apertamente e partite come stasera non riesce a capitalizzare una supremazia netta"

PAUSA – “Noi dal punto di vista mentale stiamo abbastanza bene. Se stasera abbiamo pagato qualcosa è dal punto di vista fisico. Non mi piace andare in pausa in questo momento perché il clima all’interno della squadra è positivo e di grande applicazione. Dal punto di vista fisico ne abbiamo bisogno"

ZACCAGNI – “Lui ormai è quasi due mesi che sta facendo bene tutte le partite. È un giocatore che ha iniziativa, che salta l’uomo e per diventare un top deve cercare di attaccare di più l’area e la porta. Stasera è stato sfortunato perché ha preso un gran palo"

LAZZARI – “Poteva essere una soluzione alta? Visto che loro ci aspettavano bassi penso di no. Manuel è bravo se arriva già lanciato. Quindi magari può fare l’esterno alto in una partita in cui siamo noi a difenderci bassi e bisogna ripartire ma in una partita in cui gli avversari ci stanno aspettando al limite dell’area è nettamente meglio se parte dall’interno"

Pubblicato il 22/01/2022