Spal, senza Lazzari si sposta il baricentro: Semplici punta sul lato mancino

Con l'addio di Manuel Lazzari la Spal ha cambiato il suo modo di attaccare. Il baricentro ora è tutto spostato verso la sinistra.
12.09.2019 16:25 di Francesco Mattogno Twitter:    Vedi letture
Spal, senza Lazzari si sposta il baricentro: Semplici punta sul lato mancino

Senza Manuel Lazzari non è più la vecchia Spal. Questa frase - che certamente qualche nostalgico tifoso ferrarese deve aver pronunciato - trova riscontro non solo nei sentimenti dei sostenitori emiliani, ma anche nelle statistiche. Lo riporta CalcioNews24, che spiega come nelle prime due partite di Serie A la squadra di Semplici abbia sfruttato maggiormente la fascia sinistra in fase d'attacco. Ben il 42% delle azioni offensive degli spallini sono passate dal lato mancino del campo, contro il 33% della fascia destra. Un dato già completamente in controtendenza con quello registrato nella passata stagione, quando Lazzari concentrava su di sé la maggior parte delle sortite offensive dei suoi (il 43% del totale). Sul sostituto della nuova freccia della Lazio, Marco D'Alessandro, pesa certamente un'eredità non semplice da raccogliere: ma questo non è bastato alla società per giustificarlo. Nelle prime due uscite l'esterno destro non ha convinto, e per questo la Spal si è tutelata acquistando anche Jacopo Sala. Sulla fascia sinistra, invece, suona tutta un'altra musica. Dopo l'infortunio di Fares, è Igor ad essersi guadagnato i gradi di titolare, per ora senza deludere. Il brasiliano, infatti, ha già messo a segno un assist di pregevole fattura all'esordio contro l'Atalanta e, statistiche alla mano, è dai suoi piedi che passano le azioni più pericolose della squadra di Semplici. Oltre a Petagna e Di Francesco, domenica sarà lui l'indiziato speciale della difesa biancoceleste.

LAZIO, LE ULTIME DA FORMELLO

SPAL - LAZIO, L'ARBITRO DELLA GARA

TORNA ALLA HOMEPAGE