PAGELLE - Roma - Lazio, Acerbi pareggia col cuore. Radu mura, il centrocampo fatica

27.01.2020 07:18 di Carlo Roscito Twitter:    Vedi letture
Fonte: Carlo Roscito - Lalaziosiamonoi.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
PAGELLE - Roma - Lazio, Acerbi pareggia col cuore. Radu mura, il centrocampo fatica

STRAKOSHA 5: O la prendi, o non esci: in quelle situazioni non ci sono altre vie. Sbaglia il tempo e lascia spalancata la porta, a Dzeko basta spizzarla e centrare lo specchio girato di spalle. Rischia il secondo pasticcio nella ripresa respingendo a campanile di pugno. Per fortuna manda in angolo il tentativo successivo. E soprattutto devia col piede il tentativo di Dzeko a 10’ dalla fine. Mezzo riscatto.

LUIZ FELIPE 6,5: Un episodio negativo, poi tante piccole cose preziose. Tiene in gioco Dzeko sul lancio del vantaggio romanista prima di respingere Under sulla linea o quasi e salvare su un tiro sempre di Dzeko. Prende il giallo, esce per questo. Inzaghi non rischia nulla.

Dal 46’ PATRIC 6.5: Un brivido lungo la schiena neanche dopo 5’: contatto con Kluivert, ma è il giallorosso a toccarlo da dietro e a commettere fallo. Contrasta nel modo opportuno in un paio d’azioni decisive.

ACERBI 7,5: Leader spirituale, e non solo della difesa. Si oppone a Under a corpo morto, respinge cross con spaccate volanti, sono l’anticamera della zampata da Leone. Solo chi ha il cuore gonfio può sperare di segnare su un pallone vagante del genere: tutti gli altri stavano già pensando a come battere il corner.

RADU 7: Miracoloso su Dzeko: lo mura alla disperata, sarebbe stato il 2-0 immediato. Protegge le diagonali in anticipo, blocca ripartenze insidiose, fa sentire tutta l’esperienza nelle stracittadine.

LAZZARI 5,5: Che fatica di partita. Spinazzola si dimostra un osso durissimo, lo mette in difficoltà nell’uno contro uno e riesce a contenerlo nelle folate a tutta velocità. Non ingrana la solita marcia. Qualche strappo giusto alla fine.

MILINKOVIC 5,5: Non è in serata, peccato. Incide poco, pure nel gioco aereo in cui è una divinità. Il pressing della Roma è asfissiante, non gli riescono le giocate d’autore. Ha sul destro la conclusione del ko, ci arriva dopo aver fatto partire Immobile in profondità.

LEIVA 5,5: Una partita a denti stretti, a raddoppiare qua e là senza però mai riuscire ad arginare realmente le folate avversarie. Sotto tono, come gli altri due compagni del terzetto centrale della linea mediana.

LUIS ALBERTO 5,5: Nullo fino all’intervallo, poi giusto qualcosina nella ripresa. Si accende a tratti, troppo distanti l’uno dall’altro. Viene richiamato in panchina a 20’ dalla fine. Già questo è il segno di una prestazione tutt’altro che impeccabile. Ha abituato ad altri standard.

Dal 71’ PAROLO 6: Dentro nella fase clou, con una Lazio che bene o male ha le stesse difficoltà del primo tempo.

LULIC 5: Incredibile che sia proprio lui, l’uomo del Derby, a soffrire più di tutti la stracittadina di oggi. Under è in giornata sì, lo punta, lo salta. E quando ha il pallone non trova sbocchi o passaggi semplici. In affanno anche sui falli laterali. Ha un merito: guadagna il corner del pareggio con il primo tiro della Lazio.

CORREA 5: Un solo spunto, si conclude con il corpo di Smalling a bloccare la sua freccia scagliata verso la porta di Pau Lopez. Se n’era andato alla grande partendo da sinistra. In tutte le altre occasioni lo fermano sul nascere: spento, forse anche per le condizioni non ottimali. E infatti esce zoppicando, cattivo presagio.

Dal 78’ CAICEDO 6: Un paio di movimenti interessanti mandano al tiro Immobile e Milinkovic. Forse poteva giocare qualche minuto in più. Duetta bene con Ciro, ha pochi minuti a disposizione.

IMMOBILE 5,5: Viene incontro e si sgancia in profondità, non lo servono mai col tempo o la forza giusti. Calcia una sola volta in porta, una rarità assoluta per uno come lui, abituato a crearsele anche da solo le occasioni.

ALL. INZAGHI 5,5: La partita più sofferta del campionato. La Lazio è contratta, forse timorosa, non sviluppa il grande calcio messo in mostra per l’intera stagione. C’è da prendersi il pareggio, e di corsa.

ROMA (4-2-3-1): Pau Lopez 4; Santon 6,5 (Kolarov sv), Mancini 6, Smalling 7, Spinazzola 6,5; Cristante 6, Veretout 6,5 (Pastore sv); Ünder 7, Pellegrini 6, Kluivert 6,5; Dzeko 7. All. Fonseca 6,5.