Patric: "Lazio la mia casa, Reina leggenda. Champions? Saremo al livello"

A Lazio Style Channel, dopo l'allenamento mattutino, il difensore spagnolo ha parlato della stagione che verrà e degli obiettivi.
01.09.2020 07:24 di Alessandro Menghi Twitter:    Vedi letture
Fonte: Lazio Style Channel
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Patric: "Lazio la mia casa, Reina leggenda. Champions? Saremo al livello"

LAZIO, PATRIC - Al termine dell'allenamento della mattina ha parlato a Lazio Style Channel Patric: "Sono molto contento di stare con i compagni, mi mancava il campo. Sono felice di ritrovare il pallone e i tifosi. Ci siamo sentiti in queste due settimane, ma è sempre bello vederci, siamo una famiglia, ci mancavamo, ridiamo sempre, non solo con il Tucu e Luiz Felipe. E ora ci aspetta un altro anno pieno di obiettivi. Questo è stato il mio migliore anno, ho vissuto una crescita personale e professionale, giochiamo la Champions ed è un sogno per tutti, vogliamo essere al livello che serve. Siamo tutti leader, io ho un carattere forte e aiuto i compagni, ma ci aiutiamo tutti, l’importante è caricare la squadra ed essere positivi. La squadra si conosceva quest’anno più che mai, soprattutto con il mister. Abbiamo trovato la maturità nel gioco, i giocatori hanno mantenuto un livello alto, speriamo di crescere ancora però".

PATRIC SU REINA - "Mi dicevano sempre che giocavo bene ma non segnavo mai, alla fine sono stato contento, ma non è il mio ruolo segnare perché costruisco dal basso, sono stato felice in quel caso. Prossima esultanza? Non ci ho pensato nemmeno, passerà tanto tempo. Reina? Per noi spagnoli è uno importante per quello che ha fatto e vinto, la sua carriera parla da sola. Ha ancora tanto da dare, siamo felici, ci darà una mano grossa per costruire da dietro. Per noi è una leggenda".

PATRIC SU IMMOBILE - "La difesa sta lavorando molto bene, ci conosciamo meglio di prima, la maturità la trovi nel tempo e nei movimenti con gli stessi giocatori. Siamo contenti, ma il merito è di tutta la squadra a partire dagli attaccanti. Io avevo una base nel Barcellona, ma non si lavorava molto lì su questo aspetto. In Italia sono migliorato tanto e mi sento più maturo di prima. Immobile è un bomber troppo importante per noi, è un piacere averlo per altri 5 anni. Le 100 presenze con la Lazio? Qui mi sento a casa, porto rispetto e lavoro al massimo per questa maglia e speriamo di raggiungere altri traguardi importanti. Radu? Tiene tanto al suo corpo, guarda come sta nonostante gli anni e guarda quante partite gioca. Continuerà così ancora molto perché ci tiene molto".

Pubblicato il 31/08 alle ore 12:15

UFFICIALE - Lazio, Immobile rinnova fino al 2025: l'annuncio di De Martino 

AURONZO GIORNO 7 - Lazio, angoli, esterni e cross. Squadra senza nazionali

Torna alla home page