Lazio, Mandelli: “La Juve ha voglia di rifarsi. Immobile? Ho un debole…”

Paolo Mandelli, ex attaccante della Lazio ed attuale allenatore del Chievo Primavera, ai microfoni della radio ufficiale sul momento della squadra.
03.12.2019 12:30 di Elena Bravetti Twitter:    Vedi letture
Fonte: Elena Bravetti - Lalaziosiamonoi.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Lazio, Mandelli: “La Juve ha voglia di rifarsi. Immobile? Ho un debole…”

Paolo Mandelli, ex attaccante della Lazio ed attuale allenatore del Chievo Primavera, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio, soffermandosi sul momento della squadra di Inzaghi: “Momento delicato, dove i punti in palio diventano pesanti. La Lazio c’arriva nel migliore dei modi, ha fiducia, sta bene fisicamente. Ho paura che la Juventus sia vogliosa di rifarsi dopo aver fatto un mezzo passo falso. Parecchi gol li hanno presi nell’ultima giornata, prima sembrava essere più solida, adesso qualche scricchiolio c’è. Su questo devo giocare la Lazio. I biancocelesti in contropiede hanno giocatori devastanti. Immobile è un maestro nell’attaccare gli spazi. Mi piace molto come gioca Inzaghi, è un fraseggio che non è mai fine a se stesso, è di qualità ma in preparazione della giocata. E’ anche difficile da difendere in una situazione così".

JUVENTUS - “De Ligt? Ti dà l’idea di essere insuperabile, di essere sempre concentrato, ma in un momento o l’altro così concentrato non lo è, qualcosa ti concede anche a livello mentale. Gli attaccanti lo devono sapere. È comunque un giocatore importante, la Juventus in panchina ha alternative molto forti. Sul rigore 'ceduto' a Luis Alberto? Sono segnali importanti, che ti danno l’idea che il gruppo abbia un obiettivo comune. Immobile è un giocatore fortissimo, di squadra, e fa la differenza. Ho sempre avuto un debole per lui da quando l’ho incontrato in Primavera, mi piace molto perché ha dei numeri importanti ma gioca di squadra, diverte, è un giocatore completo”.

Lazio, Strakosha: “Juventus? La rispettiamo, ma non abbiamo paura!”

Lazio, Immobile re della Serie A anche senza rigori: i dettagli

TORNA ALLA HOMEPAGE