Coronavirus, Borrelli frena: "Anche il 1° maggio a casa? Credo proprio di sì"

Il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli avverte: "1° maggio a casa? Non credo passerà questa situazione per quella data".
03.04.2020 10:30 di Elena Bravetti Twitter:    Vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
Coronavirus, Borrelli frena: "Anche il 1° maggio a casa? Credo proprio di sì"

Dopo Pasqua e Pasquetta, anche il 1° maggio lo passeremo chiusi in casa? "Credo proprio di sì, non penso passerà questa situazione per quella data. Dovremo stare in casa per molte settimane". Così si è espresso Angelo Borrelli, capo della Protezione Civile, a 'Radio Anch'io' su Rai Sport 1, ribadendo la necessità di tenere "comportamenti rigorosissimi". "Il Covid-19 - ha aggiunto - cambierà il nostro approccio ai contatti umani e interpersonali, dovremo mantenere le distanze". Borrelli ha risposto anche a chi gli chiedeva dell'ennesimo scontro tra Governo e Regioni: "Il Governo ha garantito alle Regioni le risorse per i dispositivi di protezione individuale e per quelli necessari al superamento dell'emergenza. In ordinario la sanità è una competenza che spetta alle regioni e sarebbe stato un guaio se governo e protezione avessero preso ogni competenza, ma nel momento in cui c'è stata l'emergenza è dovuto intervenire il governo. Rivedere il titolo V della Costituzione? È evidente". 

Lulic è pronto a riprendersi la Lazio e a sognare lo Scudetto

Covid-19, Gualtieri: "Dall'UE serve sforzo maggiore. Pronti 220 miliardi di prestiti"

TORNA ALLA HOMEPAGE