Inter, il Cts punta il dito sui tifosi: "Rispetto per i 121mila morti che abbiamo avuto in Italia"

Le parole del coordinatore del Cts Franco Locatelli in merito ai festeggiamenti avvenuti ieri da parte dei tifosi dell'Inter a Piazza Duomo
03.05.2021 14:00 di Jessica Reatini Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Inter, il Cts punta il dito sui tifosi: "Rispetto per i 121mila morti che abbiamo avuto in Italia"

Le immagini di Piazza Duomo nel pomeriggio di ieri hanno fatto il giro del web e di tutta Italia. 30.000 tifosi a festeggiare lo scudetto vinto dall'Inter: senza mascherine, senza distanziamento, in barba alle norme anti Covid e soprattutto all'epidemia che ancora non è stata sconfitta sul territorio italiano. A tal proposito si è espresso anche Franco Locatelli, coordinatore del Cts, che ai microfoni di Sky Sport ha affermato: "Non possiamo assolutamente permetterci queste immagini, vanno evitati gli assembramenti anche se la gioia si può comprendere. Ma deve prevalere il senso di responsabilità e rispettare i 121mila morti che abbiamo avuto in Italia. Credo sia riassumibile attraverso gli indici epidemiologi: i casi di Covid sono scesi a 148 ogni 100mila persone, ma la circolazione virale non può essere ancora sottovalutata. C’è un miglioramento ma non può esserci rilassamento rispetto ai nostri comportamenti".

Lazio - Genoa, Inzaghi: "Per la Champions ci siamo. Rinnovo? A fine stagione..."

Roma, Pellegrini ancora al centro di una bufera social: i motivi

TORNA ALLA HOME PAGE