Lazio, Galeazzi: "Ha ragione Lotito, la rosa non va rinforzata. I 'mostri' sono tornati"

"È inverosimile che negli ultimi anni questa squadra non abbia mai centrato il quarto posto. Il merito di questo inizio positivo è anche di Inzaghi".
12.12.2019 15:20 di Francesco Mattogno Twitter:    Vedi letture
Lazio, Galeazzi: "Ha ragione Lotito, la rosa non va rinforzata. I 'mostri' sono tornati"

Questa Lazio, con i due campioni al massimo livello, non ha bisogno di rinforzi (se non per allungare la panchina). È il Giampiero Galeazzi pensiero, da giornalista sportivo e - soprattutto - tifoso biancoceleste: "I 'mostri' nella Lazio sono tornati a colpire. Ciò che mi sta sorprendendo maggiormente è la continuità di rendimento, l'attaccamento del gruppo a questa società e la concentrazione che i biancocelesti mettono nel corso del match. Di questo passo la Lazio può senza ombra di dubbio puntare alla Champions". Galeazzi, intervenuto ai microfoni di Radio Centro Suono, ha dipinto tutti i meriti della squadra di Inzaghi. Che partono proprio dalla mano del suo allenatore: "La Lazio in questo momento sta giocando il miglior calcio d’Italia grazie a Milinkovic, Luis Alberto e i suoi campioni. È inverosimile che negli ultimi anni questa squadra non abbia mai centrato il quarto posto. Il merito di questo inizio positivo è anche di Inzaghi, di come ha disegnato la squadra. Però voglio aspettare il girone di ritorno, siamo rimasti delusi troppo spesso. La Serie A è un po’ come il giro d’Italia, bisogna sempre stare in cima al gruppo, controllare le fughe e sfruttare le occasioni migliori. Questo la Lazio lo sta facendo con grande classe e volontà: ha ragione Lotito quando risponde a chi chiede di rinforzare subito la squadra. Questa rosa ha già i giocatori giusti al posto giusto e i suoi equilibri. Forse manca qualche doppione, ma penso che la squadra possa mantenere questi ritmi fino a maggio".

LA MAGIA DELLA LAZIO - “Io vedo, senza esagerare, dei lampi di Platini in Luis Alberto. Un giocatore che palla al piede è in grado di fare qualsiasi cosa, è in uno stato di grazia. Se ne è parlato poco ma credo che Inzaghi sia stato molto bravo a spostare Milinkovic-Savic come regista davanti alla difesa, avanzando a sua volta lo spagnolo. Questo ha permesso di sopperire a qualche problema sulla catena di sinistra, con Lukaku spesso indisponibile. Ma le giocate dei campioni sono decisive, il gol di Milinkovic ha fatto veramente male alla Juventus. La Lazio è a proprio agio quando riesce ad impostare il suo gioco: quando accelera con tutto l’organico è un’orchestra perfetta, e tatticamente è molto interessante da osservare".

LAZIO, LA QUALIFICAZIONE E' UN MIRACOLO

RENNES - LAZIO, INZAGHI PARLA A SKY SPORT

TORNA ALLA HOMEPAGE