Italia, Ogbonna: "Mi aspettavo la convocazione, c'è poca meritocrazia"

Il difensore del West Ham è rimasto amareggiato della non convocazione con la Nazionale dopo la stagione fatta in Premier League
24.06.2021 13:30 di Tommaso Marsili Twitter:    Vedi letture
Fonte: Sky Sport
© foto di FIGC/Image Sport
Italia, Ogbonna: "Mi aspettavo la convocazione, c'è poca meritocrazia"

Mancini sta facendo grandi cose con la Nazionale in questo Europeo. Uno dei numeri più importanti è l'utilizzo di 25 giocatori su 26 convocati in queste prime partite. Molti calciatori si meritavano un posto in questa Italia, ma le regole UEFA lo hanno impedito. Chi è rimasto scottato dalla non convocazione è Angelo Obonna, difensore del West Ham, che a Sky Sport ha dichiarato: "Per me è stato un anno positivo, il nostro traguardo era la salvezza e siamo riusciti ad agguantare l'Europa League. Sono rimasto amareggiato per la mancata convocazione, non posso nasconderlo, ma sono molto contento per il percorso della nostra Nazionale, l'approccio alle partite è totalmente differente rispetto agli altri anni. Nel mio caso, credo ci sia stata poca meritocrazia ma l'allenatore avrà avuto i suoi motivi per fare delle scelte del genere. Ma è la mia analisi, non è una critica al ct. Però dopo un'annata del genere...Penalizzato dal giocare all'estero? Non penso. Poi sono stato infortunato due mesi, sono rientrato nell'ultimo mese e magari quello mi ha penalizzato".