Lazio, Jony: "Frustrato per gli infortuni. Futuro? Vorrei rimanere qui, ma è ancora presto..."

14.04.2021 06:55 di Elena Bravetti Twitter:    vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Lazio, Jony: "Frustrato per gli infortuni. Futuro? Vorrei rimanere qui, ma è ancora presto..."

In un'intervista rilasciata al Diario de Navarra, Jony ha parlato della sua esperienza in prestito tra le fila dell'Osasuna. Avventura fortemente influenzata dagli infortuni che non gli hanno lasciato tregua. Il calciatore di proprietà della Lazio ha spiegato: "Adesso sto bene fortunatamente. Sono riuscito a riprendermi e mi sono allenato con i miei compagni di squadra. Ma se dovessimo definire la mia situazione da quando sono arrivato a Osasuna, direi che ho provato frustrazione o disperazione. Se ora sto bene? Sì, sto bene dall'inizio della settimana. Poi sarà l'allenatore a decidere se posso contribuire dall'inizio o dalla panchina":

PERIODO COMPLICATO"È stato molto difficile. Ho 29 anni e non ho mai subito un infortunio muscolare. Nessun altro lo sa, tranne il personale medico ei colleghi, ma il primo infortunio che ho avuto è stato nell'adduttore. È stata la settimana in cui abbiamo affrontato il Siviglia. Ho giocato con un adduttore lesionato. Mi ero infortunato contro l'Atlético de Madrid ma era un'area che mi ha permesso di giocare. Da quel problema è iniziato tutto. Forse è per questo che mi infortunato il tendine del ginocchio al Camp Nou. La squadra era in una serie negativa, ho cercato di accorciare i tempi per recuperare il prima possibile. Volevo aiutare in un momento difficile. Correre così forte non era l'ideale".

IL SOSTEGNO DELLA FAMIGLIA - "Ho il sostegno della mia famiglia, anche per loro è una novità che non gioco ogni settimana come ho fatto nella mia carriera. Ho fatto affidamento su mia moglie e sulle mie figlie. Cerchi di pensare che non starai via a lungo. Ho fatto tutto ciò che era in mio potere per abbreviare le scadenze, migliorare le abitudini e la quotidianità. Dicono che impari dai colpi. Cerchi di curare meglio tutti i dettagli. Da quando mi sono infortunato la prima volta, ho fatto tutto il possibile. Ma molte volte non è nemmeno sufficiente per sbarazzarsi degli infortuni. Un anno come questo è arrivato per me. L'unica cosa che resta da fare è lavorare e non pensarci due volte, anche se è difficile gestire tutto ciò".

CONTRACCOLPO PSICOLOGICO - "Sono molto auto-esigente. In alcuni momenti anche troppo. Mi piace assumermi responsabilità e contribuire. Il club ha fatto uno sforzo importante per me. Spero di fare buone partite nella parte di stagione che resta e che la gente veda che Jony non ha dimenticato di giocare a calcio. Purtroppo i tifosi non hanno visto la mia versione migliore e questo mi ha creato ansia e stress. Ho il desiderio di cambiare quell'idea che molte persone possono avere di me".

FUTURO - "C'è un'opzione di acquisto volontaria. In linea di principio, se decideranno di non riscattarmi, tornerò alla Lazio. In questo momento è troppo presto per parlarne, non ho potuto dimostrare il mio valore, Cercherò di finire nel miglior modo possibile e alla fine ci siederemo a parlare per vedere le intenzioni che hanno entrambe le società. Se mi piacerebbe rimanere? Si, come no. Ovviamente. Mi piacerebbe continuare. Sono molto a mio agio. È gente familiare, umile e semplice. Anch'io sono così. Mi sento a mio agio in questo ambiente. Non nascondo che mi piacerebbe continuare. Ma, ovviamente, non è qualcosa che dipende solo da me. Devo fare molto della mia parte per dimostrare che se si fidano di me non si sbagliano. Se ci sono stati già dei colloqui? No, è difficile quando non stai giocando. Penso che accadrà quando la stagione sarà finita".

Pubblicato 14/04/21 ore 01:00

Atalanta, Belotti (Lega): "Il caso Gasperini mina la tranquillità del club, come il fallo di Bastos

Lazio, Tare su Muriqi: "Può dare molto al calcio italiano, a Roma gode del rispetto di tutti"

TORNA ALLA HOMEPAGE