Messi, botta e risposta con la Liga sulla sua clausola: è scontro totale

Comunicato del padre e agente di Messi a cui non si fa attendere la risposta della Liga, con la clausola di 700 milioni come argomento di discussione.
04.09.2020 16:30 di Lalaziosiamonoi Redazione   Vedi letture
Fonte: lalaziosiamonoi.it - Leonardo Giovanetti
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Messi, botta e risposta con la Liga sulla sua clausola: è scontro totale

La battaglia tra Leo Messi e il Barcellona per il suo trasferimento promette fuoco e fiamme. A gettare ulteriore benzina ci pensa la Liga spagnola che si schiera contro l'argentino, dichiarando la validità della clausola di 700 milioni. L'organo calcistico si è esposto in seguito alle affermazioni di Jorge Messi, padre del giocatore: "Non sappiamo quale contratto abbiano analizzato" - si legge nella nota da lui diramata - "e quali siano le basi sulle quali concludano che il suddetto avrebbe una clausola di rescissione applicabile nel caso in cui il giocatore dovesse decidere di esercitare la clausola unilaterale per liberarsi, con effetto a partire dal termine della stagione 2019/2020. Ciò è dovuto a un evidente errore della Liga. Così come indica letteralmente la clausola 8.2.3.6 del contratto firmato dal giocatore col club: “questo indennizzo non si applicherà qualora la risoluzione del contratto per decisione unilaterale del giocatore abbia effetto a partire dal termine della stagione 2019/2020”.

LA RISPOSTA DELLA LIGA - Immediata la replica della Liga: “La risposta del giocatore conferma l’interpretazione decontestualizzata e lontana dalla realtà di quanto letteralmente espresso nel contratto. Pertanto si ribadisce il contenuto del comunicato del passato 30 agosto”. Dunque niente trasferimento a parametro zero, come preteso dal calciatore e dal suo entourage, secondo la Liga. Vedremo se si ricorrerà a vie legali.