AURONZO GIORNO 7 - Lazio, Milinkovic e l’affetto da star: è uno dei miti del ritiro

13.07.2022 07:10 di Francesco Bizzarri Twitter:    vedi letture
Fonte: Da Auronzo di Cadore - Francesco Bizzarri
AURONZO GIORNO 7 - Lazio, Milinkovic e l’affetto da star: è uno dei miti del ritiro

AURONZO - "Daje Sergiooo" è il ritornello che si sente ogni giorno sugli spalti dello Zandegiacomo. Tifosi grandi e piccoli invocano Milinkovic che si allena sul campo. Una coccola a distanza fin dal suo arrivo. Presa d'assalto la sua macchina fuori l'albergo, i cori, gli applausi e quel grido dal sapore di preghiera: "Rimani!". L'affetto dei laziali è tanto, messaggio inequivocabile per dirgli: "Qui per sempre".

MILINKOVIC, TUTTO FACILE - Strappa applausi con le sue giocate. Fa sembrare tutto facile anche quando segna un gol al volo che finisce sotto l’incrocio durante le esercitazioni offensive. Motori ancora al minimo, è arrivato da due giorni in ritiro. Eppure fa la differenza sempre e comunque. In allenamento prova un colpo di tacco mal riuscito sotto gli occhi di Sarri. Il tecnico lo prende in giro e si fa una risata. A uno come lui è (quasi) tutto permesso. “Sergio dammi la maglia”, urlano dalle tribune. Tesoro prezioso e ambito, la divisa del Sergente. Lui saluta, sorride, si sente a casa dopo sette anni in biancoceleste. Insieme a Immobile sono le super star del ritiro. Arriverà Romagnoli, un altro che sicuramente sarà venerato per la sua fede laziale e le sue qualità. I complimenti moltiplicheranno per tutti.

Pubblicato il 12/7