Lazio, Stendardo: "Si dovrà parlare delle multiproprietà. Lotito? Vulcanico"

Le parole di Stendardo su Lazio, Salernitana, multiproprietà e Claudio Lotito. Tutti argomenti legato gli uni agli altri.
24.08.2019 11:05 di Francesco Mattogno Twitter:    Vedi letture
© foto di Balti Touati/PhotoViews
Lazio, Stendardo: "Si dovrà parlare delle multiproprietà. Lotito? Vulcanico"

Prima calciatore, poi avvocato. Guglielmo Stendardo ora lavora da dietro una scrivania, ma il calcio e le sue norme rimangono la vera passione dell'ex centrale della Lazio. Per questo ai microfoni di Tuttosalernitana.com, il difensore-avvocato ha parlato anche dello spinoso argomento delle multiproprietà che, nel caso in cui due società di uno stesso proprietario dovessero militare nella stesso campionato, probabilmente andrà rivisto: “Negli ultimi tempi il calcio italiano ha affrontato diverse riforme. Penso ai paletti fissati per l’iscrizione al campionato: forse per la prima volta dopo anni vediamo una serie C che parte in modo regolare e senza situazioni extracalcistiche che minano la passione popolare. Si sta parlando di tante cose, anche perché la stessa situazione (quella tra Lazio e Salernitana n.d.r.) la vivono a Bari con De Laurentiis. La mia speranza è che si possa affrontare l’argomento quanto prima e nei modi giusti nel rispetto esclusivo dei tifosi”. Stendardo, inoltre, è stato anche un giocatore della Salernitana agli albori della sua carriera. Ecco il suo parere sui tanti giocatori prestati dai biancocelesti ai campani, e sul presidente Claudio Lotito: “Salerno è per tutti i giocatori un punto di arrivo e non un punto di partenza, stiamo parlando di una piazza che merita massimo rispetto e grande considerazione. Per qualunque tesserato deve essere un orgoglio, non una seconda scelta. Sarà pur vero che qualche calciatore arriva dalla Lazio, ma quando scendi in campo il pensiero è concentrato esclusivamente sulla maglia che indossi. Per questi ragazzi è un’occasione troppo importante da non fallire. Lotito? È un vulcanico, sono convinto che abbia voglia di riportare la Salernitana dove merita. Il primo obiettivo deve essere quello di riconquistare i tifosi e indurli a tornare allo stadio, senza la componente ambientale non c’è nessun progetto che potrà comportare risultati positivi".

LAZIO, LE ULTIME DA FORMELLO

LAZIO, PAVLOVIC NON HA SUPERATO LE VISITE MEDICHE

TORNA ALLA HOMEPAGE