Maestrelli, dal figlio Massimo a Pino Wilson: il ricordo del 'Maestro'

02.12.2020 10:00 di Jessica Reatini Twitter:    Vedi letture
Maestrelli, dal figlio Massimo a Pino Wilson: il ricordo del 'Maestro'

Il 2 dicembre è una data che i tifosi della Lazio non dimenticheranno mai nonostante siano passati molti anni dal 1976. Quel giorno il popolo biancoceleste, e il mondo dello sport, dissero addio a Tommaso Maestrelli primo allenatore a vincere con i capitolini lo scudetto anche se il Maestro era molto di più che un semplice mister. Era come un padre per i suoi calciatori, un uomo stimato e anche vincente. Oggi, giorno in cui ne ricorre la scomparsa, il Cuoio, inserto speciale de Il Corriere dello Sport, lo ricorda con le voci di chi lo ha conosciuto. Il primo , e non poteva essere altrimenti, è il figlio Massimo Maestrelli: "Per Chinaglia era come un papà. Il regalo più bello che fece a me e a Maurizio fu quello di farci entrare all'Olimpico. Rivedo Inzaghi in lui". E poi ancora quello che all'epoca era il capitano Pino Wilson: "Tommaso un galantuomo del calcio che ha scritto la storia della Lazio" e infine Giancarlo Oddi che lo ricorda così: "Senza di lui non avremmo mai vinto quello scudetto".

Lazio, il 2 dicembre è un giorno triste: 44 anni senza Tommaso Maestrelli

Lazio, Immobile torna a Dortmund. Un amico: "Lo voleva l'Atletico Madrid ma scelse il Borussia"

TORNA ALLA HOME