Under17, secondo posto per la Lazio al Torneo "Manlio Scopigno"

Un importante secondo posto quello ottenuto oggi dalla Lazio Under 17 nel Torneo "Manlio Scopigno", a vincere è stata la Juventus
07.09.2020 21:45 di Lalaziosiamonoi Redazione   Vedi letture
Fonte: Jessica Reatini
© foto di Pietro Mazzara
Under17, secondo posto per la Lazio al Torneo "Manlio Scopigno"

Si è concluso quest’oggi il percorso dell’Under 17 biancoceleste nella ventottesima edizione del Torneo ‘Manlio Scopigno’. La compagine allenata da Marco Alboni, in particolare, ha sfidato alle ore 16:00 la Juventus nella finale della competizione. La formazione bianconera è passata in vantaggio al 13’ grazie ad una rete di Hata. Il bis juventino è arrivato solo nove minuti dopo grazie alla marcatura di Galante. Dopo aver concluso il primo tempo sotto di due reti, la Lazio ha accorciato le distanze nella ripresa grazie ad un rigore trasformato da Mancini al 39’. Rimasta in dieci uomini a causa dell’espulsione dello stesso Mancini, la squadra di Marco Alboni non è riuscita a recuperare in parità la Juventus. La Lazio ha così concluso il suo percorso nel torneo come la seconda miglior forza della manifestazione. A livello individuale, però, i biancocelesti hanno ottenuto quattro primati: Antonio Troise è stato premiato come miglior giovane promessa tramite il ‘Premio Fersini’, Filippo Bedini è stato eletto miglior difensore della competizione, Federico Magro è stato scelto come la miglior promessa per quanto riguarda la categoria dei portieri, mentre Davide Serafini si è aggiudicato il premio ‘Platinum Goal’.

Al termine dell’incontro, il responsabile del Settore Giovanile biancoceleste Mauro Bianchessi ha rilasciato una dichiarazione al portale ufficiale sslazio.it: “I ragazzi sono stati bravissimi, nonostante la condizione atletica dei nostri ragazzi fosse ancora da perfezionare ed inferiore rispetto a quella dei ragazzi della Juventus che, dal canto loro, vantavano più di quindici giorni in più di allenamento. Abbiamo concesso un tempo alla Juventus e questo non è accettabile perché, altrimenti, si è costretti a rincorrere il risultato. Abbiamo dimostrato di avere in rosa giocatori importanti che sono stati premiati dalla giuria del torneo, ragazzi che ci stanno regalando grandi soddisfazioni. Ora dobbiamo diventare anche una squadra importante, soprattutto più cinica”.

LAZIO, LE POSSIBILI RAGIONI DELLO SFOGO DI ACERBI

LAZIO, ECCO MURIQI: DALL'INFANZIA ALLO SBARCO A ROMA

CLICCA QUI PER TORNARE ALLA HOME PAGE DEL SITO