PAGELLE Bruges - Lazio, Correa finalmente cattivo! Muro Reina, regalo Patric

29.10.2020 07:15 di Carlo Roscito Twitter:    Vedi letture
Fonte: Carlo Roscito - Lalaziosiamonoi.it
© foto di www.imagephotoagency.it
PAGELLE Bruges - Lazio, Correa finalmente cattivo! Muro Reina, regalo Patric

REINA 7: Lo specialista Vanaken lo spiazza dal dischetto. Due parate decisive nel secondo tempo su Dennis e Rits: sul tiro del primo la devia con le gambe, sul colpo di testa del secondo si allunga e mura con la manona. Coi piedi non sbaglia nulla, è un fattore.

PATRIC 5: Certe ingenuità, in Europa, si pagano il doppio: regala un rigore (che l’arbitro punisce severamente) al Bruges su un corner innocuo. Si disinteressa del pallone, guarda solo l’avversario, rimette in partita i belgi che non avevano fatto mezzo tiro in porta fino a quel momento. Aggiunge qualche errore in impostazione non da lui. Delude e viene sostituito all’intervallo.

Dal 46’ PEREIRA 5,5: Si è aggiunto in ritardo alla spedizione, dentro all’intervallo, mezzala e poi esterno di destra del 4-4-2. Entra in area con un tempismo perfetto, purtroppo cincischia in dribbling invece di concludere. Aveva sul destro il colpo del ko, non spara nemmeno a salve.

HOEDT 6,5: Una mezza sbavatura in tutta la partita, cioè quel fallo a centrocampo che gli costa il giallo. Non delude, sembra a suo agio da centrale della linea a tre, dopo l’esordio discutibile con la Samp ha dato risposte positive.

ACERBI 7: Uno così non delude mai, figuriamoci nella sfida Champions a cui la Lazio arriva coi giocatori contati. Dire che difende bene è limitativo, aveva inventato un lancio perfetto di 50 metri per Milinkovic, poteva diventare l’assist vincente. Non sbaglia un colpo, indomabile.

MARUSIC 6,5: Quinto di destra e poi terzino. Non arriva al meglio alla partita, è costretto a giocarla comunque tutta. Ordinato, dalla sua parte il Bruges non si rende mai pericoloso. Concentrato, bella risposta dopo i 42 minuti col Bologna.

MILINKOVIC 6,5: Ha sul destro l’occasione d’oro del 2-1, purtroppo centra Mignolet dopo uno stop magnifico, roba da calamita nello scarpino. Buona gara, senza Luis Alberto si assume ancora più responsabilità, guadagna falli preziosi e gestisce bene quasi tutti i possessi.

PAROLO 6,5: Cambia altri due ruoli in novanta minuti: parte regista, finisce a fare il centrale di difesa a destra. Mette l’esperienza al servizio della squadra, è attentissimo, anticipa e non si fa mai sorprendere alle spalle.

AKPA AKPRO 6,5: Il più dinamico del centrocampo, contrasta chiunque passi nella sua zona, parte mezzala e poi si piazza davanti alla difesa. Ha personalità, è intraprendente, prova a inserirsi centralmente, non si limita al compitino in interdizione. Si conferma utilissimo.

FARES 6: Il primo ammonito della Lazio, da quel momento il cambio - nonostante la panchina cortissima - è una questione di minuti. Rimane in campo un’ora scarsa di gara. Tiene la posizione, si sgancia meno rispetto a sabato scorso.

Dal 56’ MURIQI 6: Entra quando cominciano a mancare un po’ le energie, fa a sportellate, forse su un cross poteva tentare il colpo di testa piuttosto che la sponda aerea.

CORREA 7: Gol bellissimo per come conclude e anche per il modo in cui si era creato lo spazio per il tiro dal limite: fa scorrere la palla e schiena Mignolet a giro col mancino. Perla europea, serviva come il pane nella serata senza Immobile. Nel finale serve perfettamente Pereira, che purtroppo si addormenta e non ci prova nemmeno.

CAICEDO 6: Poco coinvolto, prova a rendersi utile nel solito gioco di sponda. Non ha nemmeno un’occasione per colpire, gioca condizionato da un problema alla spalla che lo costringe al cambio a metà secondo tempo.

Dal 68’ CZYZ 6: Esordio coi grandi, si piazza sulla sinistra, lui che di solito gioca da mezzala. Si sacrifica in un ruolo non suo e ci mancherebbe altro in un’occasione del genere.

ALL. INZAGHI 6,5: La Lazio si presenta in Belgio decimata, senza i big in ogni reparto, eppure regge botta e per poco non sfiora il colpaccio con metà rosa. In testa al girone dopo due giornate, forse di più non si poteva chiedere da una gara del genere.

Pubblicato il 28/10