Mihajlovic: "Coronavirus questione di culo, io l'ho preso e mia moglie no"

Il tecnico del Bologna, contagiato anche lui dal virus, sull'emergenza Covid-19: "Affrontiamola con l'esempio di tante persone".
18.10.2020 08:45 di Alessandro Menghi Twitter:    Vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
© foto di Image Sport
Mihajlovic: "Coronavirus questione di culo, io l'ho preso e mia moglie no"

"L'emergenza Covid? Non esiste una vita senza problemi. Al di fuori ce ne sono di più seri e di più gravi. A chi ha perso i propri cari va il mio rispetto più grande. La gente lotta con la forza dell'animo, e anche noi nel nostro piccolo è quello che dobbiamo fare. Noi per adesso non abbiamo positivi ma siamo preparati a tutto, prima o poi capiterà anche a noi". Così il tecnico del Bologna, Sinisa Mihajlovic, alla vigilia della sfida contro il Sassuolo, parlando dell'emergenza Coronavirus.

ESEMPIO - "Abbiamo altri problemi come quello degli infortunati che restanno fuori oper due o tre mesi. E dunque dobbiamo convivere con i problemi e affrontarli con l'esempio di questa gente che combatte il virus con il coraggio e con la forza. Non si deve avere paura. Il coraggio e la paura sono due facce della stessa medaglia e ci sono in ogni scelta che un uomo fa", ha proseguito Mihajlovic. "Nessuno ha capito come ci si infetta, è solo questione di culo. Si prendono le precauzioni ma non si capisce. Io l'ho preso e mia moglie no, siamo stati 21 giorni a letto assieme, senza mascherina e con il contatto. Può succedere anche qui. I giocatori devono continuare a giocare e andare in nazionale, non dobbiamo farci sopraffare dal virus. E' giusto prendere precauzioni, ma senza rinunciare alle cose importanti", ha concluso.

Coronavirus / Serie A, la lista dei calciatori positivi al Covid

Inter, Nainggolan guarito dal Covid: l'annuncio del giocatore - FOTO

Torna alla home page