Lazio 6 grande: tris all'Udinese e Juventus nel mirino

Doppietta di Immobile e centro di Luis Alberto su rigore, la Lazio di Inzaghi non si ferma più. Sesta vittoria consecutiva e Juventus avvicinata...
01.12.2019 16:55 di Antoniomaria Pietoso Twitter:    Vedi letture
Fonte: Antoniomaria Pietoso - Lalaziosiamonoi.it
© foto di www.imagephotoagency.it
Lazio 6 grande: tris all'Udinese e Juventus nel mirino

La Lazio di Simone Inzaghi continua il suo momento d'oro e conquista la sesta vittoria consecutiva in campionato. I biancocelesti superano all'Olimpico per 3-0 l'Udinese e continuano la loro corsa alla Champions. Le aquile mantegono a distanza la concorrenza e avvicinano la Juventus che sabato arriverà sulle rive del Tevere.

PARTENZA SPRINT - Inzaghi, senza Patric, Marusic e Lukaku, sceglie la formazione tipo con Luiz Felipe e Radu ai lati di Acerbi in difesa. La Lazio parte fortissima e fin dai primi minuti fa capire all'Udinese che non sarà una domenica semplice per lei. Correa sfiora due volte il vantaggio, mentre sulla punizione con il contagiri di Luis Alberto ci vuole un Musso in formato express per evitare il peggio. Il vantaggio capitolino è solo rimandato, però, perché al 9' Luiz Felipe con un lancio pesca Milinkovic Savic in area ospite. Il serbo usa il fisico per avere la meglio di Troost Ekong e Becao e serve un assist d'oro per Immobile che trova lo spiraglio giusto. Vane le proteste ospiti, l'arbitro, dopo un consulto con i colleghi, convalida la rete. L'Udinese reagisce di rabbia e va vicinissima al pareggio prima con Nestorovski e poi con Mandragora, ma la loro conclusioni difettano di poco in precisione (rispettivamente in altezza e larghezza).

BIS E TRIS DI RIGORE - Dopo il doppio pericolo corso, la Lazio ricomincia a macinare gioco e a invadere l'area di rigore avversaria. La squadra di Gotti, però, appare meno timida dei primissimi minuti e prova a impensierire le aquile. Musso tiene in vita i suoi al 20' con un bell'intervento sul colpo di testa di Immobile, perfettamente trovato dal cross di Lazzari. Dopo qualche minuto in cui le due squadre sbagliano qualche passaggio di troppo, vanificando potenziali occasioni, la partita si riaccende al 34'. Correa entra in area di rigore e va a contatto con Troost Ekong, con Di Bello che lascia inizialmente proseguire. Il direttore di gara viene richiamato dal Var e, dopo qualche secondo di consulto, indica il dischetto ammonendo il difensore ospite. Dalle immagini netto il contatto tra il piede destro del calciatore friulano e quello dell'argentino. Dal dischetto Immobile spiazza Musso e sale a 17 in campionato consolidando la leadership della classifica marcatori e prendendosi anche il primo posto in quella della Scarpa d'Oro. Correa inizia la sue ricerca della soddisfazione personale ma, a cavallo del 40', per due volte sbaglia di pochi centimetri. Il numero undici torna protagonista allo scadere quando dribbla secco Nuytinck che lo stende. Il direttore di gara indica ancora il dischetto. Immobile stavolta cede il pallone a Luis Alberto, ma il risultato non cambia e lo spagnolo fredda Musso. Seconda rete in campionato per l'andaluso che dedica la marcatura ai genitori che hanno compiuto 66 e 70 anni nei giorni scorsi. 

RIPRESA  E CAMBI - Dopo essere andata a riposo sul 3-0, la Lazio nel secondo tempo gestisce il match. Abbassa i ritmi e non corre praticamente più nessun rischio. Anzi sono ancora Correa e Immobile a sfiorare a più riprese il poker. Il piacentino e il collega Gotti si concentrano sui cambi. Nei bianconeri entrano Fofana, Barak e Teodorczyk, mentre Inzaghi regala minuti a chi ha giocato meno. Escono Lulic, Leiva e Luis Alberto e gli fanno spazio Jony, Cataldi e André Anderson. Il calciatore dell'Under 21 fa così il suo esordio con l'aquila sul petto. La partita scorrre via e, dopo tre minuti di recupero, Immobile e compagni possono esultare per la sesta vittoria consecutiva che li fa salire a quota 30 in classifica. Risposta perfetta all'Atalanta e segnale lanciato a Napoli e Roma. Non è finita qui perché, il pareggio della Juventus con il Sassuolo fa scendere a sei i punti di distacco dai bianconeri. I piemontesi sabato verranno all'Olimpico per un anticipo di lusso che, con i risultati di oggi, si preannuncia caldissimo. L'obiettivo resta il terzo posto, ma l'appetito, si sa, vien mangiando...