RIVIVI LA DIRETTA - Serie A e Coppa Italia: ci sono le date ufficiali

30.05.2020 07:00 di Daniele Rocca Twitter:    Vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
© foto di Stefano Di Bella
RIVIVI LA DIRETTA - Serie A e Coppa Italia: ci sono le date ufficiali

AGGIORNAMENTO ORE 21 - La Lega Serie A ha ufficializzato le date di ripresa delle competizioni: si riparte con la Coppa Italia, semifinali (13) e finale (17 giugno), mentre il campionato riprenderà il 20 con il recupero delle 4 partite in programma nella 25esima giornata.

AGGIORNAMENTO ORE 19:20 -  Come riporta l'Ansa, verrà probabilmente definito lunedì in via ufficiale il calendario del campionato di Serie A. L'ipotesi al momento più concreta prevede la ripresa venerdì 19 giugno, con un giorno di anticipo rispetto a quanto annunciato ieri dopo il vertice con il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, e la prima partita dovrebbe essere Atalanta-Sassuolo, a Bergamo, una delle città più colpite dal coronavirus. Secondo questo piano, si inizierà con i recuperi della 25esima giornata. Gli altri tre, Verona-Cagliari, Inter-Sampdoria e Torino-Parma, si disputerebbero fra il 20 e il 21 giugno. Fra le ipotesi in discussione, anche la possibilità di fare slittare la finale di coppa Italia, programmata ieri il 17 giugno, confermando le semifinali il 13 e il 14.

AGGIORNAMENTO ORE 18:55 - Intanto si riprogrammano diversi altri campionati in Europa: ecco le date per Liga spagnola, campionato albanese e campionato svizzero.

AGGIORNAMENTO ORE 17.30 - La prima partita dopo lo stop sarà Atalanta-Sassuolo: la Lega Serie A ha deciso di far disputare la partita venerdì 19 giugno.

AGGIORNAMENTO ORE 16 - Saranno le semifinali di ritorno di Coppa Italia le prime due partite che verranno giocate alla ripresa. Si partirà con Juventus-Milan il 13 giugno, poi sarà il turno di Napoli-Inter il 14. Nel caso in cui l'Inter dovesse andare in finale (si parte però dall'1-0 degli azzurri a San Siro ndr) la prima gara di campionato dei nerazzurri, il recupero contro la Samp, sarà disputato domenica 21 e non sabato 20.

AGGIORNAMENTO ORE 15.30 - Cambia anche il calciomercato: la finestra estiva si aprirà il 1 settembre e si chiuderà il 5 ottobre. (Qui tutte le info)

AGGIORNAMENTO ORE 14.35 - Via al campionato, ma il calcio torna in Italia prima con la Coppa Italia. Arrivano le prime indicazioni dall’Assemblea per decidere il calendario della ripartenza: 13 e 14 giugno spazio alle due semifinali di Coppa Italia e il 17 la finale. Il 20 giugno i recuperi della 25° Atalanta-Sassuolo, Verona-Cagliari, Inter-Sampdoria e Torino-Parma e la 27° dal 22 al 24 giugno. In quest'ultimo week-end è in programma il ritorno in campo della Lazio, alle prese con la gara esterna contro l'Atalanta. 

AGGIORNAMENTO ORE 12.15 - È finito da pochi minuti il Consiglio di Lega Serie A per un primo approccio su quello che sarà il prossimo calendario della Serie A. Subito dopo è iniziata l'Assemblea di Lega, alla quale partecipano tutti i club del massimo campionato. Durante l'Assemblea si procederà a una votazione che renderà ufficiale il programma per la fine della stagione 2019/2020.

All'indomani del via libera del Governo alla ripresa della stagione, la Lega Serie A oggi definirà il calendario. È competenza del Consiglio, da poco riunito in videoconferenza, che sarà seguito dall'assemblea dei 20 club, convocata alle 11.30. Ieri è stata definita la ripartenza con le semifinali e la finale di Coppa Italia, fra il 13 e il 17 giugno, una soluzione contestata esplicitamente dal Milan, che lascerebbe perplesse altre due squadre coinvolte, Juventus e Inter. Per la ripresa del campionato, nel fine settimana del 20-21 giugno, ci sono due ipotesi sul tavolo: ricominciare con i quattro recuperi della 25ma giornata, per armonizzare subito la classifica, oppure con i dieci match della 27esima. L'Assemblea invece analizzerà il 'piano B', ossia un format con brevi fasi di playoff e playout nel caso non ci fossero le condizioni per disputare tutte le partite, come previsto dall'ultimo Consiglio della Federcalcio. All'ordine del giorno anche i rapporti con i licenziatari dei diritti tv che non hanno pagato l'ultima rata della stagione: nei confronti di Sky la Lega ha deciso per il procedimento di ingiunzione, mentre si stanno valutando le proposte avanzate da Dazn e Img.

Pubblicato il 29-05 alle 20.59