Roberto Feola (FdI): "Vogliamo omaggiare Mario Facco a Fregene" - ESCLUSIVA

Il portavoce del circolo FdI - Patria e Libertà a Fiumicino, ha raccontato ai nostri microfoni l'idea per rendere omaggio a Mario Facco
27.07.2020 17:00 di Lalaziosiamonoi Redazione   Vedi letture
Fonte: Tommaso Marsili
Roberto Feola (FdI): "Vogliamo omaggiare Mario Facco a Fregene" - ESCLUSIVA

Mario Facco è stato uno degli eroi del primo scudetto della Lazio. Due anni fa è purtroppo deceduto lasciando un vuoto in tutti i cuori biancocelesti e non solo. Nell'ultimo periodo si era stabilito a Fregene, dove tutti lo rispettavano. Per questo motivo Roberto Feola vorrebbe fargli intitolare una targa o un giardino nella cittadina sulla costa laziale. Ai nostri microfoni, il portavoce del circolo FdI - Patria e Libertà a Fiumicino ci ha spiegato meglio l'iniziativa.

Da dove nasce l’idea di rendere omaggio al grande Mario Facco?

"I cittadini hanno espresso questa volontà già dai primi mesi dopo la sua morte. La realizzazione è molto difficile dato che le parti burocratiche complicano l'iter. Ho parlato con alcuni laziali della zona (essendo anch'io tifoso) e, facendo parte di un movimento politico, abbiamo deciso di avanzare la proposta tramite il movimento per velocizzare le pratiche. Noi vorremmo che entro il 31 agosto (data dell'anniversario della morte, ndr) fosse tutto ultimato. Mario ha vissuto a Fregene per moltissimi anni essendo un buonissimo cittadino, partecipando alla vita della città e quindi secondo noi era giusto tributarlo".

Per lei cosa ha rappresentato? 

"L'ho vissuto attraverso i racconti di mio padre e di mio zio quando mi raccontavano di quel fantastico gruppo del '74. Sono cresciuto, come tantissimi laziali, con quel mito. Negli anni sono andato a completare la conoscenza di Mario, che è stato sempre carismatico, un punto di riferimento ed anche nella sua carriera da allenatore e opinionista è sempre stato molte gentile, a modo e simpatico. Pur non avendolo conosciuto, a pelle ho percepito la bontà della persona che ha dato tanto per la Lazio, ma anche per lo sport italiano".

L’ex giocatore negli ultimi tempi si era stabilito a Fregene. Che rapporto aveva creato con la città e i suoi abitanti? 

"Ho avuto la possibilità di raccogliere varie testimonianze (utili ai fini dell'iniziativa) dalla gente di Fregene o comunque che conosceva la famiglia Facco. Tutti hanno un bellissimo ricordo di Mario: era il classico signore che viveva il posto quotidianamente. Il feeling è andato a crescere negli anni. Ero felice di ascoltare tutti i racconti positivi".

 Pensa che Mario sarebbe stato contento del percorso della squadra di Inzaghi?

"Assolutamente sì. Ho sempre ritenuto Mario una persona estremamente sincera e diretta. Questo mi piaceva di lui. Sarebbe stato orgoglioso dei ragazzi perchè ha parlato varie volte di Champions. Lui voleva veder crescere la Lazio e vederla ai vertici mantenendo però l'aria da provinciale. Vedere Inzaghi alla guida di questo gruppo lo avrebbe riempito d'orgoglio".

Si ringrazia Roberto Feola per la disponibilità