Lazio, Veron: "Che bello sentire la gente laziale. Mihajlovic? Il ricordo che ho di lui..."

22.12.2022 07:24 di Lalaziosiamonoi Redazione   vedi letture
Fonte: Niccolò Di Leo - Lalaziosiamonoi.it
Lazio, Veron: "Che bello sentire la gente laziale. Mihajlovic? Il ricordo che ho di lui..."
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

Ha fatto sognare ed esultare i tifosi della Lazio, tanto da entrare a far parte delle leggende del club, conquistandosi l'amore di un popolo intero. In esclusiva ai microfoni di Radiosei è intervenuto Juan Sebastian Veron per parlare dell'Argentina, reduce dalla vittoria del Mondiale, e della sua Lazio:

ARGENTINA CAMPIONE DEL MONDO - "Io ho visto l'Argentina campione da piccolo. Poi ho avuto la fortuna di provare a vincere come giocatore. Oggi da tifoso ho avuto questa fortuna di viverla. Lo aspettavamo da tempo, vedere i ragazzi gioire in questo modo e seguire la Nazionale con questa passione è bello. Come uomo di sport spero che questa vittoria possa aiutare il calcio a crescere, sicuramente alimenterà la voglia dei bambini di diventare calciatori. Questo mese ha aiutato chi in Argentina è in difficoltà, a staccare la spina e a distrarsi. Il calcio è uno stile di vita, puoi non avere del cibo sul tavolo, ma il calcio aiuta a dimenticare. Nessuno sport fa gioire così, ha la capacità di unire".

MIHAJLOVIC - "Ho seguito tutta la malattia di Sinisa in questi anni, a volte parlavo con Stankovic o Mancini per sapere come stava. Ultimamente scrivevo ad Arianna. Quando è successo ero con Vieri e Nesta in Qatar. Appena lo abbiamo saputo c'è stato un silenzio incredibile. C'erano Milito, Zanetti, Cordoba e nessuno ci credeva. Era un ragazzo e un uomo forte. Tutti pensavamo che potesse succedere a chiunque di noi, ma non a lui. Sinisa per me er un fratello maggiore. Restavo con lui in allenamento per calciare le punizioni e imparare, fino ad arrivare a gareggiarci. Io le tiravo bene, ma lui era un grandissimo. Ho giocato con Messi, Maradona, ma per me Sinisa era il migliore, noi sapevamo che da un calcio d'angolo, se battuto da lui, poteva nascere un gol. Ho un ricordo allegro di lui, il suo sorriso, la sua grinta, l'essere sempre positivo in situazioni complicate. Questo mi rimane. Io se parlo di lui mi viene un sorriso e questa è una cosa bella. Poi è normale che mi manchi, ho perso un fratello. Da quando sono arrivato alla Sampdoria siamo sempre stati insieme, mi ha aiutato ad abituarmi a un nuovo paese. E' sempre stato disponibile. Non posso dire altro, se non che il ricordo che ho di lui è di un uomo che sembrava duro, ma in realtà era dolce, con ideali forti, molto di spessore. L'unica tristezza è che manca un uomo sempre col sorriso. Io con lui ho condiviso quasi tutta la carriera in Italia, come con Mancini. Quando sono tornato in Argentina mi sono portato molti loro insegnamenti".

COLONIA ARGENTINA - "Eravamo tutti di carattere forte. Non era una rosa facile da gestire, per me l'unico che poteva fare e che lo ha fatto è stato Eriksson. In quell'epoca chi gestiva meglio gli spogliatoi vinceva il campionato, come noi. Era essenziale in quegli anni. Tutti volevano giocare, ma andavano in campo in undici, quindi non era facile, però eravamo tutti intelligenti. Capivamo il ruolo e il momento, alla fine tutti abbiamo dato il contributo. Questa esperienza mi ha aiutato in Argentina quando ho dovuto gestire alcuni ragazzi. Sono stati anni bellissimi e sentire i tifosi della Lazio è sempre bellissimo, è gente che non dimentica".

MARADONA E MESSI - "Oggi compararli mi sembra ingiusto. Maradona ha avuto la sua epoca e ci ha fatto vedere un calcio che non vedremo più, ispirando tutti i bambini. Noi argentini siamo venuti in Italia perché ci giocava lui. Il calcio ci ha dato anche Messi che in questa epoca ci ha fatto sognare. Quando c'era Diego non c'erano i cellulari o i media. Oggi sai la vita del giocatore in ogni momento, quindi la vicinanza che hai col giocatore è diversa. Ma entrambi hanno dato tanto al calcio".

SCALONI - "Ha funzionato come figura. Ha fatto l'impresa di fare un cambio generazionale, inserendo i nuovi e far uscire la vecchia armata. Ha avuto molto coraggio. Piano piano ha percorso la strada incontrando le difficoltà classiche, evidenti soprattutto nell'Argentina dove la pressione è tanta. Oggi si dimostra un grande allenatore. Ha messo in campo una squadra feroce e con un buon gioco. Credo che Messi si è reso consapevole dell'importanza all'intera squadra, sapeva di essere l'idolo dei ragazzi entrati nella nuova Argentina e li ha condotti da leader, da saggio".

Pubblicato il 21/12 alle ore 13:30