PAGELLE Sampdoria - Lazio: Zaccagni illumina, Immobile trascina. Strakosha risponde

06.12.2021 07:22 di Carlo Roscito Twitter:    vedi letture
Fonte: Carlo Roscito - Lalaziosiamonoi.it
PAGELLE Sampdoria - Lazio: Zaccagni illumina, Immobile trascina. Strakosha risponde
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it

STRAKOSHA 7: Inoperoso il primo tempo, nel secondo tira fuori un paio di belle parate: più complicato il tuffo sul colpo di testa di Gabbiadini che la respinta sulla conclusione di Thorsby. Un’uscita in presa alta avrebbe risolto i problemi in principio. Lo stesso attaccante lo fulmina in girata, si prende la rivincita

HYSAJ 6: Si risposta a destra dopo le partite a sinistra con Lazzari titolare. Si trova più a suo agio, c’è una bella differenza tra le due corsie. L’unica leggerezza nel primo tempo dove si fa scippare il possesso e rischia nei pressi dell’area di rigore.

LUIZ FELIPE 7: Agonismo e carattere. Quanto è mancato con l’Udinese: contrasta e anticipa, ci mette cattiveria e applicazione. Scivolate puntuali, si oppone col corpo sui tiri avversari, la spaccata finale è la fotografia migliore della sua partita.

ACERBI 6,5: Un paio di passaggi pericolosissimi in apertura, cresce con il passare dei minuti, si concede anche qualche sgroppata offensiva. Si fa rispettare, controlla in marcatura.

MARUSIC 6,5: Rientro di lusso, era alla prima dopo il Covid, non concede nulla a Candreva, contro cui ringhia pure con la voce. Tonico e attento, nelle ultime partite si è sentita la sua mancanza. Devia in modo sfortunato

MILINKOVIC 7: Il repertorio completo dei colpi, anche di quello di testa (inteso come momento di follia). Comanda fisicamente e tecnicamente, infila il sinistro a fil di palo, è l’episodio che stappa il match. Ci aggiunge il passaggio perfetto per quel killer di Immobile. Perde la pazienza e il senno facendosi cacciare da Fabbri: subisce un fallo clamoroso, la svista arbitrale è evidentissima, però non può compromettere così il suo finale e la prossima gara.

CATALDI 6,5: Bella risposta dopo due partite opache. Sbaglia poco o nulla, pressa in avanti coi tempi perfetti, lancia Immobile in profondità e da quel lancio nasce il gol del vantaggio. Tanti palloni toccati, va in soccorso di tutti regalando sempre l’opzione del passaggio.

Dal 63’ LEIVA 6: Entra nel momento della resistenza. Prova a chiudere le linee di passaggio e a mantenere l’ordine.

BASIC 6,5: Scelto al posto di Luis Alberto per regalare più fisico e soprattutto maggiore solidità. Ci riesce, rimane in campo per l’intera sfida. Uno di sostanza.

PEDRO 6,5: Si muove tantissimo, dà vivacità anche se non entra nelle azioni decisive della partita. È in condizione, non incide in prima persona, per è utilissimo dalla metà campo in su.

Dal 63’ FELIPE ANDERSON 5,5: Per la prima volta in stagione parte dalla panchina. Lascia troppo spazio a Ciervo, libero di guardare in mezzo e crossare indisturbato.

IMMOBILE 8: Scarpini fumanti, cecchino infallibile: due palloni trasformati in oro, uno col destro, l’altro col mancino. Diagonali perfetti, non guarda nemmeno la porta, la sente con tutti gli altri sensi, non gli serve la vista. Esce per un dolore al ginocchio, Sarri gli risparmia la ripresa visto il parziale all’intervallo.

Dal 46’ MURIQI 5,5: Qualche appoggio sbagliato, qualche sponda precisa. Non gli capita mezza occasione, lotta soprattutto quando la Lazio rimane in dieci.

ZACCAGNI 7,5: Scatenato, non lo prendono mai. Dribbla, scambia il pallone di prima, regala assist e fantasia: serve Milinkovic, poi Immobile, dimostra la personalità e la fiducia che gli era mancata finora. Uno dei migliori in assoluto, la notizia più bella, c’è bisogno di lui.

Dal 78’ LAZZARI sv

ALL. SARRI 6,5: Primo tempo di qualità, si vede un approccio completamente differente rispetto alle due gare più recenti. Scambi veloci, pressing alto, giocatori reattivi. Il secondo tempo, senza Immobile, è imbambolato. E forse è meglio così: anche questa partita deve portare a riflessioni profonde.

Pubblicato il 5/12 alle ore 20