Calcio, bambino di 8 anni cacciato dalla scuola calcio: "Troppo scarso"

Incredibile quello accaduto a Lecco: un piccolo calciatore allontanato dalla società perché meno bravo degli altri.
14.10.2019 14:47 di Francesco Bizzarri Twitter:    Vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
© foto di Gabriele Di Tusa/TuttoPalermo.net
Calcio, bambino di 8 anni cacciato dalla scuola calcio: "Troppo scarso"

Crescere nel calcio? Diventare uomini con il gioco più bello del mondo? Difficile se in giro ci sono educatori ed allenatori che non insegnano il vero senso di questo sport. A Lecco un bambino di 8 anni (classe 2011), è stato allontanato dalla scuola calcio perché non gradito. In poche parole: troppo scarso. La famiglia ha parlato con la società, con l’intenzione di portare comunque il piccolo ad allenarsi con i suoi amici e coetanei, ma niente da fare: “Abbassa il livello della squadra”. Nessuna fake news, è tutto vero. E pensare pure, se vogliamo dare un altro taglio più cinico alla notizia, che i genitori del piccolo hanno sempre pagato la retta della scuola calcio dal 2017 ad oggi (in questo caso 350 euro). Nei “Pulcini”, una delle categorie calcistiche in cui dovrebbe regnare solo sano divertimento, accade anche questo. Ogni bambino ha il diritto di praticare lo sport che vuole, anche se considerato meno forte degli altri. Ma qui non è così.

LAZIO, QUESTIONE SPONSOR DI SCOMMESSE: PARLA L'ESPERTO

LAZIO, RICORDI IN BIANCOCELESTE PER BERGODI

TORNA ALLA HOMEPAGE