Ecco Felipe Caicedo: La pantera...

27.04.2021 10:50 di Lalaziosiamonoi Redazione   Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Ecco Felipe Caicedo: La pantera...

Chi ama il calcio non solo guarda le partite o consulta l’elenco siti scommesse per trovare le promozioni più interessanti, ma ha il piacere di conoscere le storie dei protagonisti di questo meraviglioso sport.

Oggi è il momento di scoprire chi è Felipe Caicedo, attaccante che sta entrando sempre di più nel cuore dei tifosi laziali.

Felipe Salvador Caicedo Corozo è un calciatore ecuadoriano nato a Guayaquil, il 5 Settembre 1998 che attualmente milita in Serie A nelle file della Lazio. Le sue caratteristiche tecniche lo rendono un centravanti che riesce a unire esplosività con un fisico possente, qualità per cui ha ottenuto il soprannome “la pantera” Inoltre, grazie alla sua determinazione e alla voglia di non mollare mai, si è dimostrato molte volte capace di segnare e risolvere le partite nei minuti di recupero oltre il 90’ motivo per cui la celebre zona Cesarini sta diventando sempre più Zona Caicedo secondo tifosi e giornalisti sportivi.

È arrivato in Italia il 2 Agosto 2017 dopo che il presidente Claudio Lotito ha versato nelle cifre della sua ex squadra, l’Espanyol, una cifra vicina ai 2,5 milioni. Il suo acquisto porta subito bene alla squadra bianco celeste visto che dopo pochi giorni alzerà insieme ai nuovi compagni la Supercoppa italiana contro la Juve grazie alla vittoria per 3 a 2.

Prima di raccontare il suo percorso italiano facciamo un salto indietro nel tempo ripercorrendo insieme la carriera di Felipe Caicedo.

Inizia a giocare a calcio in patria dove tra il 2002 e il 2005 si forma tra le giovanili del Barcellona SC e il Rocafuerte.

A soli 17 si trasferisce in Europa, precisamente in Svizzera dove indossa la maglia del Basilea. Dopo un periodo nel settore giovanile debutta in prima squadra segnando 11 gol in 45 partite di campionato. Nell'agosto del 2007 segna in coppa Uefa la sua prima rete nelle competizioni europee contro gli austriaci del Mattersburg. Attraverso gol e buone prestazioni inizia a farsi notare e viene acquistato dal Manchester City per 7 Milioni di euro. Debutta in occasione del derby giocando gli ultimi minuti finali con la squadra che vincerà per 2 a 1, ma durante la sua prima stagione in Inghilterra collezionerà solo 9 presenze totali. L’anno successivo il cambiamento dell’allenatore lo favorisce e così aumentano gol 7 e presenze 25. Nel luglio del 2009 viene ceduto in prestito ai portoghesi dello Sporting Lisbona, che gli permettono di esordire in Champions League. Anche qui però non trova una certa continuità e così viene ceduto ancora una volta in prestito, in questo caso al Malaga. Dopo 18 presenze e 4 gol con il club spagnolo, viene ceduto sempre con la stessa formula al Levante. Il Manchester City decide di cederlo al club iberico che però dopo averlo riscattato non lo conferma e lo vende( con una plusvalenza di più di 6 Milioni) in Russia al Lokomotiv Mosca.

Qui trova un certa continuità disputando tre stagioni con la maglia del club russo prima di essere venduto negli emirati all'Al-Jazira. L'esperienza dura solo sei mesi, e così l'attaccante sceglie di tornare in Spagna, questa volta difendendo i colori dell’Espanyol. A Barcellona vive il suo momento migliore tra il 2014 e il 2017 colleziona più di 100 presenze e segnando oltre 20 gol nelle varie competizioni.

Ecco che nell’estate del 2017 (dopo aver abbandonato la nazionale per screzi con i dirigenti) arriva in Italia.Anche nella Lazio ha superato le 100 presenze, diventando un prezioso jolly per la squadra allenata da Simone Inzaghi, dimostrandosi una carta preziosa utile per risolvere alcune gare complicate. Caicedo ha dimostrato di aver un ottimo fiuto del gol, riuscendo a colpire le difese avversarie nei momenti decisivi della partita. Purtroppo il suo minutaggio è stato frenato dal fatto di aver davanti un goleador di razza come Ciro Immobile e da alcuni problemi fisici che hanno ostacolato la sua crescita sportiva. In carriera ha vinto 1 Coppa Svizzera (Basilea) e tre trofei con la Lazio la supercoppa italiana due volte (2017 e 2019) e una Coppa Italia nella stagione 2018-2019. Quest’estate a 33 anni compiuti potrebbe decidere di rimanere a Roma oppure provare una nuova esperienza sempre in Italia, magari in un club capace di offrirgli una maglia da titolare, o tornare all’estero per provare nuove avventure.