Lazio, Garlini: “Immobile non è adatto al modulo dell'Italia"

Oliviero Garlini, ex attaccante della Lazio, è intervenuto su Lazio Style Radio. Immobile, Acerbi, Robben e Inzaghi. Ecco cosa ha detto.
12.06.2019 11:30 di Francesco Mattogno Twitter:    Vedi letture
Lazio, Garlini: “Immobile non è adatto al modulo dell'Italia"

L'ex attaccante della Lazio, Oliviero Garlini, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio 89.3 per parlare di Ciro Immobile. Un “collega” in difficoltà, soprattutto per quanto riguarda il suo ruolo nell'Italia. Ecco cosa ha detto: “Immobile è un giocatore importante sia per la Lazio che per lo spogliatoio, quindi bisogna sfruttare al massimo il tipo di gioco che lui predilige. Lui parte, finta di andare sul primo palo e si stacca sul secondo, così trova spesso la via del gol. In un tridente non funziona al meglio, non gioca con i cross. Quest'anno i biancocelesti hanno fatto più fatica in zona gol per il minor numero di inserimenti dei centrocampisti, anche questo l'ha penalizzato. Nel 4-3-3 dell'Italia credo che alla fine, almeno per l'Europeo, il ballottaggio sia tra Immobile e Belotti. A meno che Kean non esploda ancora di più l'anno prossimo, ma anche Ciro può fare meglio nella prossima stagione e guadagnarsi il posto. Va comunque tenuto conto che la Lazio gioca in modo diverso rispetto alla nazionale” - poi su Acerbi ha aggiunto - “Acerbi è un giocatore che ha testa, fisico, qualità, sa quello che vuole e magari in futuro potrà partire titolare anche nell'Italia. Lui dovrà farsi trovare pronto quando Mancini lo chiamerà in causa, visto che per ora parte molto dietro nelle gerarchie”.

SU ROBBEN: “Bisogna vedere come sta fisicamente e se ha la mentalità giusta per far parte di una squadra come la Lazio. Poi la Serie A è diversa dalla Bundesliga, vanno fatte delle valutazioni su diversi fattori per poter puntare su di lui. È un grande nome, ma non serve solo quello, servono giocatori pronti fisicamente che possano donare qualcosa di importante alla squadra”.

SU INZAGHI: “La Lazio è stata molto brava a tenere Inzaghi. È un vantaggio perché conosce i giocatori, ha lavorato già da diversi anni nell'ambiente e ha instaurato nel gruppo dei meccanismi tattici che un nuovo allenatore avrebbe dovuto rifondare”.

GENOA, LE PAROLE DI PERINETTI SULLE TRATTATIVE CON LA LAZIO

LAZIO, JONY SEMPRE PIU' VICINO

TORNA ALLA HOMEPAGE