Lazio, il Guardian solleva dubbi sulle cessioni di Neto e Jordao ma Calveri smentisce...

Il quotidiano britannico ha fatto emergere alcuni dettagli che non coincidono nelle operazioni relativa a Pedro Neto e Bruno Jordao
14.01.2021 14:45 di Jessica Reatini Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico Gaetano
Lazio, il Guardian solleva dubbi sulle cessioni di Neto e Jordao ma Calveri smentisce...

Sono passati quasi due anni dalla cessione da parte della Lazio di Bruno Jordao e Pedro Neto, prelevati dallo Sporting Braga, riscattati e poi ceduti al Wolverhampton ma la notizia lanciata dal Guardian è proprio dei nostri giorni. Il quotidiano britannico infatti ha messo in luce un errore nel versamento dei soldi: il nome dell'intestatario è infatti lo Sporting Lisbona mentre il club giusto fa riferimento appunto al Braga. In merito è stato contattato proprio Armando Calveri, segretario generale della Lazio, che ha chiarito la questione: "Ci tengo a precisare che, entrambi i giocatori, Pedro Neto e Bruno Jordao, sono stati acquistati dallo Sporting Braga e non dallo Sporting Lisbona. Un errore del nostro dipartimento finanziario che è stato ingannato dai nomi simili dei due club. Come ben sapete, lo Sporting Lisbona non ha infatti mai registrato i giocatori. Adegueremo i nostri bilanci specificando le note relative ai due casi”. Un altro dubbio è quello riguardante la somma totale versata per Neto: la Lazio elenca il pagamento per 11 milioni, il Braga per 9,5: "Le informazioni finanziarie relative al trasferimento del giocatore sono riservate e rendono le cose più misteriose. Ma in questo caso l’immaginazione supera la realtà. L’indagine è fuorviante, visto il diverso metodo fiscale adottato dai due club. Tutti gli importi relativi al trasferimento sono dichiarati nel Fifa TMS (sistema dei trasferimenti ufficiali, ndr) che tutela la trasparenza nelle transazioni finanziarie tra i club”.

RIVIVI LA DIRETTA - Lazio, Inzaghi: "Derby anomalo, noi in campo col cuore dei tifosi"

Calciomercato Lazio, Di Gennaro si avvicina al Renate: i dettagli

TORNA ALLA HOMEPAGE