Milan - Lazio, Leiva: "Dobbiamo lavorare ancora, la strada è lunga"

13.09.2021 07:26 di Leonardo Giovanetti Twitter:    vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Milan - Lazio, Leiva: "Dobbiamo lavorare ancora, la strada è lunga"

Non riesce a centrare la terza vittoria consecutiva la Lazio che esce sconfitta 2-0 a San Siro. Punteggio pieno per il Milan che sale a quota 9 punti in testa alla classifica insieme al Napoli. Al termine del match Lucas Leiva ha parlato così ai microfoni di Dazn: "Oggi è stata una partita difficile, non abbiamo iniziato bene. Non abbiamo giocato come volevamo e abbiamo preso due gol in ripartenza dove sapevamo che erano forti. Questo dimostra che dobbiamo lavorare tanto, la strada è lunga ma abbiamo tanta fiducia nel mister. Non abbiamo fatto quanto preparato in settimana, dobbiamo capire perché. Dobbiamo fare pressing più forte e tutti insieme".

Il centrocampista brasiliano ha analizzato la brutta sconfitta anche ai microfoni di Lazio Style Channel: "La partita di oggi ci fa capire quanto dobbiamo ancora lavorare e migliorare per rendere la fase difensiva più solida e non solo. In fase offensiva abbiamo forzato troppo spesso i passaggi concedendo le ripartenze al Milan. Adesso testa bassa, ancora è lunga. È una sconfitta pesante ma abbiamo tutto il tempo per recuperare. Sconfitta? Abbiamo meritato di perdere. Non abbiamo fatto il lavoro sufficiente per vincere. Dobbiamo analizzare con calma, senza panico. Non è la fine del mondo. se dopo la gara con lo Spezia non eravamo i migliori, adesso non siamo i peggiori. Galatasaray? I tifosi turchi sono molto caloroso. Siamo tanta importanza all’Europa League. Abbiamo tre giorni per riposare e poi andiamo in Turchia. Speriamo di iniziare bene il girone di Europa League perché sarà molto difficile. Pressing falloso? La nostra pressione non è stata come ci aspettavamo e come la avevamo roeparata. Con una pressione efficace avremmo fatto meno falli. Il Milan ha fatto una pressione forte e spesso senza falli".

Pubblicato il 12/09 alle ore 20:55