Politica / Ex Ilva, l'ad di Arcelor Mittal: "Fino a 4700 esuberi nel 2023"

Durante la trattativa con il governo l'ad di Arcelor Mittal ha presentato il nuovo piano per l'ex Ilva di Taranto: i dettagli
04.12.2019 18:29 di Redazione Cronaca - LLSN   Vedi letture
Politica / Ex Ilva, l'ad di Arcelor Mittal: "Fino a 4700 esuberi nel 2023"

L'ad italiana di Arcelor Mittal Lucia Morselli nel corso del tavolo al Mise ha illustrato il nuovo piano industriale per l'ex Ilva. Sarebbero previsti 4.700 esuberi, di cui 2900 già nel 2020, con l'organico che passerebbe dai 10.789 occupati del 2019 ai 6.098 del 2023. Lo stesso piano prevede un aumento dei volumi di produzione dagli attuali 4,5 milioni di tonnellate di acciaio ai 6 milioni dal 2021. Dopo la presentazione dell'ad il tavolo è stato sospeso, i sindacati hanno definito "irricevibili" i tagli annunciati da Arcelor Mittal proclamando lo sciopero per il prossimo 10 dicembre all'ex Ilva. 

IL GOVERNO - Il ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli ha detto: "Sono molto deluso, l'azienda non ha fatto i passi avanti attesi". Secondo quanto riportato da repubblica.it al tavolo il ministro  avrebbe anche riferito: "Tra venerdì e lunedì il governo presenterà un suo piano industriale che farà diventare Ilva un esempio di impianto industriale siderurgico, con uso di tecnologie sostenibili, con forni elettrici e altri impianti ecosostenibili per arrivare a una produzione di 8 milioni per tutelare livelli occupazionali".