PAGELLE - Lazio - Juventus, marziano Milinkovic! Luiz e Luis, gioie infinite

08.12.2019 07:15 di Carlo Roscito Twitter:    Vedi letture
Fonte: Carlo Roscito - Lalaziosiamonoi.it
© foto di www.imagephotoagency.it
PAGELLE - Lazio - Juventus, marziano Milinkovic! Luiz e Luis, gioie infinite

STRAKOSHA 7: Dybala in apertura, bene sul tiro a giro. Ronaldo di testa, benissimissimo perché la respinge a 2 cm dalla linea di porta quando il risultato era ancora sullo 0-1 per la Juve. Coi piedi meglio lasciar perdere: rischio infarto per 45mila laziali allo stadio.

LUIZ FELIPE 7.5: Cancella la dormita sul gol subito con una capocciata che ha dentro la rabbia per l’errore commesso in precedenza su Ronaldo. Nessuno lo ricorderà più: terzo tempo perfetto, una rete che riporta in parità la partita a un soffio dall’intervallo. Picchia al punto giusto, forse anche di più.

ACERBI 7: Si prende la responsabilità di impostare costantemente, toglie il peso ai compagni e soprattutto a Strakosha, che gliela dà anche quando non dovrebbe e come non dovrebbe. Manca la chiusura sul cross di Bentancur per CR7, aveva provato a scalare invano lui sull’uruguaiano.

RADU 7: Regge botta, se la deve vedere con gli attaccanti della Juve che si allargano dalla sua parte. Tignoso e attento.

LAZZARI 8: Fa impressione quando parte da dietro e supera tutti. Gli altri corrono sul tapis-roulant, lui ha i razzetti sotto gli scarpini. Fa espellere Cuadrado con una delle tante discese. Con l’ultima “fa segnare” Caicedo. Prestazione strapositiva.

MILINKOVIC 8: Ma che gol hai fatto? Che gol hai fatto? Stop magico, è un aggancio perfetto, il sinistro incrociato, roba da marziani, da altra categoria. Mostuoso. Aveva iniziato con una palla geniale per Immobile. Alta scuola, Sergente di ferro. 

Dal 90' CAICEDO 7: Ingresso più dolce non poteva esserci. Infila Szczesny con il sinistro e fa scorrere i titoli di coda. 

LEIVA 7.5: Sontuoso. Queste partite lo caricano, è uno da arena e da contrasti decisi. Scivolate, tackle, inserimenti, spaccate aeree, carisma. Recupera e imposta, cose da Anfield Road.

LUIS ALBERTO 8: Sboccia giocando, toccando palloni, entrando in partita piano piano. L’inizio è diesel, è lui che soffre il palleggio della Juve. Prende la Lazio per mano dalla metà del primo tempo, ed eccolo qua, l’assist numero 10 in campionato: primo nella storia della Serie A a centrare la doppia cifra prima della fine dell’anno solare. Quel destro è magico, è lo stesso con cui spedisce in porta pure Milinkovic. E sono 11…

Dal 75’ PAROLO 6: Entra nel quarto d’ora finale, quello in cui bisogna stringere i denti e difendere il gol di vantaggio.

LULIC 7: Sgroppa come al solito, un po’ di confusione ma tante energie per la Lazio, spese senza mai risparmiarsi. Partita di sostanza, manda in porta Lazzari per il 3-1 di Caicedo..

CORREA 6,5: Sembrava in affanno, poco incisivo, poi ha cominciato a correre a testa alta e si è preso il penalty del possibile allungo, sciupato da Ciro. Non finisce sul tabellino, ma va apprezzato tutto il lavoro che fa dalla trequarti in su.

IMMOBILE 6: Non è la sua serata, lo sarebbe diventata se avesse segnato il rigore, lui che è uno specialista. Se l’era guadagnato Correa, ma il suo filtrante era stato da trequartista, un’intuizione geniale. E di penalty se n’era preso pure un altro non dato. Esce nel finale, riceve lo stesso la standing ovattino.

Dall’85’ CATALDI sv

ALL. INZAGHI 8: Settima di fila, la più bella, contro i campioni d’Italia, ora a soli 3 punti. Qualcosa di incredibile. Sim-One Inzaghi, complimenti.

JUVENTUS (4-3-1-2): Szczesny 7.5; Cuadrado 4.5, Bonucci 5.5, De Ligt 5, Alex Sandro 5.5; Bentancur 6.5 (Emre Can ), Pjanic 6, Matuidi 6; Bernardeschi 5 (Danilo 6); Ronaldo 7, Dybala 5.5. All. Sarri 5.5.

Pubblicato ieri alle 22.45