PAGELLE Sampdoria - Lazio, la difesa imbarca acqua. Correa non tira mai

18.10.2020 07:15 di Carlo Roscito Twitter:    Vedi letture
Fonte: Carlo Roscito - Lalaziosiamonoi.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
PAGELLE Sampdoria - Lazio, la difesa imbarca acqua. Correa non tira mai

STRAKOSHA 5: Salva quando ormai il risultato è compromesso: due parate consecutive su Damsgaard e Keita. Poco prima era stato tutt’altro che inappuntabile sul tiro di Quagliarella: il 3-0 diventa possibile, oltre che per l’errore di Patric, perché respinge centralmente una conclusione centrale, poco complicata. Sui primi due non ha colpe.

PATRIC 4,5: Un disastro di prestazione. É fuori zona sul lancio che porta all’azione del gol che sblocca la partita, sul terzo di Damsgaard sottovaluta il pressing di Verre e se la fa scippare a pochi metri dalla porta. Bisogna capire i momenti della partita, dove e quando provare certe giocate.

ACERBI 5,5: Cerca di coprire i buchi qua e là, non è semplice. Prova a reggere la baracca da solo lì dietro, crolla tutto perché la Samp ha la qualità per fare male. Inizia perno centrale, si sposta sul centrosinistra per recuperare il match e spingere da quella parte. È già troppo tardi.

HOEDT 4,5: Due uomini in area, uno di nome Quagliarella, sicuramente il più pericoloso degli avversari. Il contromovimento dell’attaccante lo manda in confusione e finisce per marcare il nulla. In fase di impostazione è anche preciso, poi però negli ultimi sedici metri bisogna saper badare al sodo e metterci una pezza. 

Dal 59’ VAVRO 5: Mezzora insicura. In nazionale era arrivato qualche segnale positivo, entra in campo in un momento difficile però ci mette un po’ del suo.

PAROLO 5: La generosità stavolta non basta. Prende il giallo per un fallo in mezzo al campo, poi si fa scappare Augello alle spalle, libero di mettere dentro il pallone del vantaggio blucerchiato. Va in affanno contro uno che mestiere fa l’esterno.

Dal 46’ MARUSIC 5,5: Recuperato all’ultimo per entrare nella lista dei convocati. Non è in condizione, forse non poteva fare di più con un solo allenamento nelle gambe.

MILINKOVIC 5: Combina poco e nulla. Non riesce a incidere nella metà campo avversaria, si fa notare soltanto per una bordata dai 20 metri che esce di poco alla sinistra di Audero. Non può essere sufficiente.

LEIVA 5: Non riesce ad arginare le folate della Samp, a far valere il suo senso tattico e a intercettare i palloni pericolosi che gravitano al limite dell’area. Esce a un quarto d’ora della fine, insoddisfatto lui e Inzaghi della sua prova.

Dal 76’ CATALDI sv

LUIS ALBERTO 5: Si spegne con il passare dei minuti invece di accendere la manovra. L’inizio non è neanche male, qualche suggerimento in verticale, solo che non c’è Immobile a scattare verso la porta avversaria. Il secondo tempo è totalmente anonimo.

D. ANDERSON 4,5: Non arriva una volta sul fondo, e non si può dormire così nella propria area di rigore: sull’azione dell’1-0 di Quagliarella osserva la situazione senza preoccuparsi minimamente dei due uomini che stanno accompagnando la folata di Augello. Avrebbe tutto il tempo per marcarne almeno uno, invece osserva beato il traversone che parte dalla fascia opposta. I tanti replay, purtroppo, lo inchiodano alle responsabilità.

Dal 46’ FARES 5,5: Un tempo a disposizione per provare a combinare qualcosa sulla sinistra. Meglio di chi l’ha preceduto, ma niente di straordinario.

CORREA 5: Una domanda: quanto tiri? Ci prova solo una volta in diagonale, strettissimo e che finisce sul fondo. Per tutto il resto della partita tanto fumo e zero arrosto. Serve più cattiveria, soprattutto quando davanti non c’è Immobile.

CAICEDO 5: Qualche buona giocata spalle alla porta, un tentativo col destro che si spegne di poco sul fondo. Troppo poco per impensierire Audero, responsabilità sua e degli altri che non lo mettono troppo nella condizione di colpire.

Dal 59’ MURIQI 6: Fa a sportellate, è un giocatore intelligente, si vede in un paio di passaggi che mettono i compagni nelle condizioni di colpire.

ALL. INZAGHI 5: Se la rischia con due esterni del genere in vista della sfida di Champions. Prova a correre ai ripari, ma ormai la Lazio è in balia della Samp. Viene tradito dai big rimasti a disposizione senza Immobile. Serve una scossa immediata.

SAMPDORIA (3-4-1-2): Audero 6; Bereszynski 6, Tonelli 6,5, Yoshida 7, Augello 7,5; Candreva 6 (Lèris sv), Jankto 6 (Damsgaard 7), Ekdal 6,5 (Adrien Silva 6,5), Thorsby 7; Ramirez 6 (Verre 6,5), Quagliarella 7 (Keita 6). All.: Ranieri 7.

Pubblicato ieri alle 20